Skip to main content

Benessere e pace

Volontariato

Cos’è il volontariato e perché è importante?

Il volontariato è un’attività di aiuto e servizio resa da individui o gruppi di persone in modo del tutto libero, senza aspettare in cambio un compenso finanziario. Questo tipo di impegno può assumere una vasta gamma di forme ed è fondamentale per il benessere delle comunità e della società nel suo complesso. Il volontariato è importante per diversi motivi. Innanzitutto, svolge un ruolo cruciale nel colmare i vuoti lasciati dai servizi pubblici o nell’affrontare sfide sociali e ambientali. Inoltre, offre alle persone l’opportunità di contribuire attivamente a questioni che stanno loro a cuore, creando un senso di appartenenza e di realizzazione personale. Il volontariato è anche un modo per costruire legami sociali, favorire la solidarietà e promuovere il cambiamento positivo.

 

Quanti tipi di volontariato ci sono?

Esistono numerosi tipi di volontariato, ognuno dei quali si concentra su un aspetto specifico delle necessità della comunità o degli individui. Alcuni esempi includono il volontariato sociale, che coinvolge l’assistenza a persone bisognose o svantaggiate, il volontariato ambientale, che si concentra sulla conservazione dell’ambiente, il volontariato culturale, che promuove l’arte e la cultura, e il volontariato di emergenza, che offre soccorso in situazioni di crisi.

 

Quali sono i valori del volontariato?

Il volontariato è guidato da una serie di valori fondamentali, tra cui la solidarietà, la compassione, l’empatia e la responsabilità sociale. Questi valori ispirano le azioni dei volontari e sottolineano l’importanza di aiutare gli altri senza aspettarsi nulla in cambio. Il volontariato promuove anche la diversità e l’inclusione, incoraggiando il coinvolgimento di persone di tutte le età, estrazioni sociali, etnie e religioni.

 

Quali obiettivi ha chi fa volontariato?

Le persone che scelgono di fare volontariato perseguono una serie di obiettivi. In primo luogo, desiderano contribuire positivamente alla società e fare la differenza nelle vite degli altri. Allo stesso tempo, cercano di sviluppare competenze e conoscenze nuove, migliorando così le proprie prospettive di carriera. Il volontariato può anche soddisfare il bisogno di connessione sociale e di appagamento personale, fornendo un senso di scopo e realizzazione. Inoltre, chi fa volontariato spesso mira a sensibilizzare l’opinione pubblica su questioni importanti e a promuovere un positivo cambiamento sociale e ambientale.

 

Quali sono i benefici del volontariato?

  1. Il volontariato mette in contatto con gli altri

Se ti senti solo, isolato o semplicemente desideri allargare la tua cerchia sociale, il volontariato nella tua comunità locale è un modo importante, e spesso divertente, per incontrare nuove persone. In effetti, uno dei modi migliori per fare nuovi amici e rafforzare le relazioni esistenti è impegnarsi in un’attività condivisa, e il volontariato ti permette di farlo. Se ti sei trasferito di recente in una nuova città o paese, il volontariato è un modo importante e semplice per incontrare nuove persone e allo stesso tempo rafforzare i tuoi legami con la comunità locale e ampliare la tua rete di supporto. Inoltre, ti mette in contatto con persone che condividono interessi e passioni comuni e che potrebbero diventare nuovi amici.

 

  1. Il volontariato costruisce fiducia in sé stessi e autostima

Fare del bene agli altri e alla comunità contribuisce a creare un naturale senso di realizzazione. Lavorare come volontario può anche darti un senso di orgoglio e identità, aiutando a potenziare ulteriormente la tua autostima, portandoti fuori dalla tua zona di comfort. In effetti, il volontariato ti aiuta a sentirti meglio e a creare una visione più positiva della tua vita e dei tuoi obiettivi futuri. Se sei timido o hai paura delle nuove esperienze, delle culture diverse e dei viaggi, il volontariato all’estero potrebbe essere un modo importante per aiutarti a costruire autostima in questo settore.

 

  1. Il volontariato è importante per la salute fisica

Molte ricerche scientifiche suggeriscono che le persone che dedicano il loro tempo agli altri godrebbero di una pressione sanguigna più bassa e da una vita più lunga. Uno studio del 1999 ha dimostrato che i “volontari attivi” (che aiutano in due o più organizzazioni) avevano un tasso di mortalità inferiore del 63 per cento rispetto ai non volontari. E ricerche più recenti svolte nel 2013 dall’Università Carnegie Mellon hanno scoperto che gli adulti di oltre 50 anni che facevano volontariato regolarmente erano meno propensi a sviluppare l’ipertensione rispetto ai non volontari. È importante notare che anche i volontari sembrano percepire questi benefici per la salute. Infatti, uno studio del 2013 condotto da United Health Group e dall’Optum Institute su oltre 3.300 adulti negli Stati Uniti ha rilevato che il 76 per cento di coloro che fanno volontariato negli Stati Uniti si sente fisicamente più sano.

 

  1. Il volontariato è importante per la salute mentale

Il contatto sociale nell’aiutare gli altri può avere un profondo effetto sul tuo benessere psicologico complessivo e aiutare a contrastare gli effetti dello stress, della depressione e dell’ansia. È stato dimostrato che il volontariato migliora la salute mentale semplicemente perché compiere un gesto altruistico ti rende più felice: gli esseri umani sono predisposti a dare agli altri, e misurando l’attività cerebrale e gli ormoni della felicità, i ricercatori hanno scoperto che essere d’aiuto agli altri può procurare grande piacere. Uno studio del 2008 della London School of Economics ha esaminato la relazione tra volontariato e felicità in un ampio gruppo di adulti americani. I ricercatori hanno scoperto che più le persone facevano volontariato, più erano felici. Rispetto alle persone che non facevano mai volontariato, le probabilità di essere “molto felici” aumentavano del 7 per cento tra coloro che facevano volontariato mensilmente e del 12 per cento tra coloro che lo facevano più spesso.

  1. Il volontariato è importante per un senso di scopo

In mancanza di una ricompensa economica, le persone spesso scelgono di dedicare il loro tempo a questioni od organizzazioni che ritengono importanti o con cui hanno un legame speciale. Ad esempio, se sei un grande amante degli animali, potresti voler fare volontariato in un rifugio per animali domestici. Oppure, se hai vissuto o ti stai riprendendo da una malattia potresti dedicare parte del tuo tempo libero a un’associazione di beneficenza che aiuta altre persone che vivono la stessa condizione. Il volontariato in questo modo contribuisce ad affrontare un tema sociale che ha significato per te e, di conseguenza, ti aiuta a costruire un senso di scopo e ad aumentare la tua felicità. Qualunque sia la tua età o la tua storia di vita, il volontariato può essere un modo importante per dare alla tua vita un nuovo significato e una nuova direzione.

 

  1. Il volontariato aiuta a dimenticare i propri problemi

Un altro beneficio del volontariato è che concentrarsi sugli altri può darci una visione più profonda della realtà e aiutare a distogliere la mente dai pensieri negativi. Il volontariato spesso implica l’aiuto a chi è in difficoltà e può essere utile nel mostrarci che, in realtà, le nostre vite non sono così negative come pensavamo.

 

Benefici del volontariato per i giovani

Il volontariato è un’attività che offre opportunità inestimabili per i giovani. Coinvolgersi nel volontariato ha una serie di vantaggi significativi, che vanno ben oltre la semplice accumulazione di ore di servizio comunitario. Questo coinvolgimento può contribuire in modo significativo allo sviluppo personale, all’educazione e alla crescita individuale. Vediamo come:

 

  1. Sviluppo delle competenze

Il volontariato offre ai giovani la possibilità di sviluppare, attraverso l’esperienza diretta, una vasta gamma di competenze, come la gestione del tempo, la comunicazione efficace, il problem solving, il lavoro di squadra e la leadership. Queste abilità sono preziose sia per la loro crescita personale che per la futura carriera professionale.

 

  1. Crescita personale ed empatia

Il coinvolgimento nel volontariato aiuta i giovani a sviluppare l’empatia e la compassione. Lavorando con persone in situazioni difficili o affrontando questioni sociali complesse, i giovani possono acquisire una comprensione più profonda delle sfide che affrontano gli altri. Questa consapevolezza può portare a una maggiore maturità emotiva e ad una crescente apertura mentale.

 

  1. 3. Esperienze di vita significative e autostima

Il volontariato offre l’opportunità di vivere esperienze di vita significative. Partecipando attivamente alla risoluzione di problemi nella propria comunità o nella società in generale, i giovani possono sentirsi coinvolti in modo diretto nell’apportare cambiamenti positivi. Questo senso di scopo può migliorare notevolmente la loro autostima e la fiducia in sé stessi. In effetti la ricerca dimostra che il volontariato è in grado di potenziare l’autostima e la fiducia in sé degli adolescenti che stanno appena iniziando il loro percorso di vita. Uno studio del 2017 dell’Università del Missouri e della Brigham Young University, che ha coinvolto quasi 700 ragazzi di 11-14 anni, ha esaminato come la condivisione, l’aiuto e il conforto agli altri influissero sulla fiducia in sé. Lo studio ha scoperto che comportamenti altruistici potrebbero effettivamente aumentare il senso di autostima degli adolescenti e che gli adolescenti che hanno aiutato estranei hanno riportato un’autostima più alta un anno dopo.

 

  1. Networking

Il volontariato mette i giovani in contatto con una vasta rete di persone. Queste connessioni possono essere preziose per il loro futuro personale e professionale. Incontrare individui con background diversi e condividere esperienze comuni può arricchire la loro vita e aprire le porte a nuove opportunità.

 

  1. Miglioramento dell’educazione

Il volontariato può avere un impatto positivo sull’educazione dei giovani. Spesso, le esperienze di volontariato possono essere integrate nell’apprendimento in classe, arricchendo il curriculum scolastico. Inoltre, il coinvolgimento attivo nella comunità può ispirare i giovani a perseguire studi universitari o carriere legate al servizio sociale.

 

  1. Costruzione di un Curriculum Vitae solido

Il volontariato aggiunge valore a un curriculum vitae. Mostra agli eventuali futuri datori di lavoro che il giovane è impegnato, responsabile e interessato a contribuire al benessere della comunità. Questa esperienza può fare la differenza quando si cercano opportunità di lavoro o di studio.

 

  1. Crescita civica e sociale

Il coinvolgimento nel volontariato aiuta i giovani a diventare cittadini responsabili e attivi e a imparare l’importanza della partecipazione civica, dell’impegno nella comunità e della promozione del bene comune. Questi giovani possono diventare leader futuri che influenzano positivamente la società.

 

 

Bibliografia
  • Boccaccin L., Rossi G. (2006). L’identità del volontariato. Orientamenti valoriali e siti. Intervento a confronto, Vita e Pensiero
  • Borgonovi, F. (2008). Doing well by doing good. The relationship between formal volunteering and self-reported health and happiness, Social Science & Medicine, 66 (11). pp. 2321-2334
  • Oman D., Thoresen C.E., McMahon, K. (1999). Volunteerism and Mortality among the Community-dwelling Elderly, Journ. Health Psychol. 1999 May; 4(3):301-16. doi: 10.1177/135910539900400301
  • Padilla‐Walker, L. M., Carlo, G., & Memmott‐Elison, M. K. (2018). Longitudinal change in adolescents’ prosocial behavior toward strangers, friends, and family, Journal of Research on Adolescence, 28(3), 698-710.
  • Po-Wei, C., Liang-Kung, C., Huei-Kai, H., Ching-Hui, L. (2022). Productive Aging by Environmental volunteerism: A Systematic Review, Archives of Gerontology and Geriatrics, Vol. 98, 2022,104563 https://doi.org/10.1016/j.archger.2021.104563
  • Sneed, R. S., & Cohen, S. (2013). A prospective study of volunteerism and hypertension risk in older adults, Psychology and Aging, 28(2), 578–586 https://doi.org/10.1016/j.archger.2021.104563.
  • Wilson, J. (2012). Volunteerism research: A review essay. Nonprofit and voluntary sector quarterly, 41(2), 176-212.

 

 

Sitografia

Iscriviti alla newsletter

NEWSLETTER GEN

Modulo per l'iscrizione alla newsletter FPP

Nome(Obbligatorio)
Email(Obbligatorio)
Privacy Policy(Obbligatorio)
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.