Una ricerca che diventa subito
azione educativa e sociale

L’attività dell’Istituto di Ricerca è fortemente interdisciplinare: neuroscienze, psicologia, pedagogia, didattica, ricerca sociale. I risultati della attività di ricerca in campo neuroscientifico educativo e didattico sono subito orientati alla pratica di un miglioramento individuale e globale della consapevolezza e delle risorse positive dei bambini e degli adulti, per orientare la collettività verso il benessere e la pace.

Mission

Fondazione Patrizio Paoletti non ha finalità di lucro, la sua Mission è la ricerca in campo neuroscientifico, psico-pedagogico, formativo e sociale. La Fondazione studia come l’uomo cresce, impara, si emoziona, migliora, per promuovere la consapevolezza attraverso l’educazione, intesa anzitutto come auto-educazione.

Connettere i più aggiornati saperi offerti dalla ricerca sul cervello (indagine sull’uomo “da dentro”) e psico-pedagogica (indagine sull’uomo “da fuori”) significa offrire all’educazione e alla didattica saperi e strumenti pratici, immediati, innovativi ed efficaci, che supportino le persone ad imparare a saper fare, a saper vivere per “essere” in un mondo che cambia costantemente.

Tramite i progetti educativi, la Fondazione opera affinché ogni adulto diventi più consapevole delle proprie risorse, del proprio ruolo e della propria responsabilità verso gli altri, perché ogni bambino, in ogni parte del mondo, trovi le giuste condizioni per esprimere pienamente il suo potenziale.

Campi d’azione

  • Statuto e bilancio

    Neuro-Psico-Pedagogia Didattica

    L’approccio scientifico multidisciplinare è il più completo per indagare come funziona l’uomo, come funziona l’apprendimento, e scoprire così come sviluppare il proprio potenziale e mettere a frutto le infinite potenzialità della nostra struttura di funzionamento.

    Scuola

    La Fondazione realizza programmi scolastici che promuovono lo sviluppo delle Life Skills sin dalla prima infanzia in Italia. Tra i progetti più importanti, anche scuola di frontiera, nei contesti più difficili del mondo, a beneficio di migliaia di bambini, insegnanti, educatori, operatori sociali e genitori.

    LifeLong Learning

    Per perseguire le competenze degli adulti in ambito personale, familiare, professionale e sociale, la Fondazione realizza programmi formativi rivolti a genitori, insegnanti, caregivers e professionisti della relazione.

    Sensibilizzazione

    Con le sue attività, la Fondazione promuove la responsabilità sociale, perché il benessere personale non è mai separato da quello sociale. La qualità della vita e delle relazioni è sempre a vantaggio della società.

     
     

Pedagogia per il terzo millennio

“Pedagogia per il terzo millennio” (PTM) “Pedagogia per il terzo millennio” (PTM) è un metodo interdisciplinare di educazione e auto-educazione, ideato da Patrizio Paoletti e sviluppato dall’equipe neuroscientifica, psicopedagogica e didattica della Fondazione. La sua finalità è rispondere ai bisogni educativi del nostro tempo e anticipare quelli del futuro.

È lo strumento con cui la Fondazione traferisce i frutti della ricerca neuroscientifica e psico-pedagogica in campo educativo e formativo, per promuovere processi di auto-educazione, educazione pedagogica ed educazione globale. Applicato trasversalmente in tutti i progetti, il metodo favorisce nei suoi fruitori la scoperta e la piena espressione dei potenziali.

I 4 pilastri Pedagogia per il terzo millennio

  • Osservazione

    Acquisendo specifiche tecniche e abilità, possiamo educarci ad osservare noi stessi, gli altri, la realtà, riscoprendo nuovi scenari, trovando nuove risposte ai bisogni, nuove opportunità, usando potenziali di azione, relazione e pensiero
  • Mediazione

    Scoprendo le leggi della comunicazione, impariamo ad ascoltare e bilanciare le nostre diverse istanze, ma anche ad individuare la nostra posizione e quella altrui, per una reale trasmissione di sapere e di valori
  • Traslazione

    Attraverso competenze chiave, trasferiamo il sapere in una pluralità di applicazioni pratiche, proiettandoci in un orizzonte di continuo miglioramento, dove imparare ad imparare, sempre e da ogni cosa
  • Normalizzazione

    Ascoltando le nostre aspirazioni, rilanciandoci in un orizzonte di continuo miglioramento ed ispirandoci a modelli di successo, possiamo imparare ad aprirci al nuovo e alla possibilità per costruire il futuro che vogliamo

Iscriviti alla Newsletter