“Sguardi. Diari di una scuola di Circo Sociale in quarantena”. I ragazzi della Scuola di Circo Corsaro di Scampia si raccontano in streaming

Sabato 30 maggio alle ore 21:00, i bambini e i ragazzi del quartiere di Scampia hanno messo in scena “Sguardi”, un mediometraggio in streaming on-line. E’ stato lo straordinario appuntamento con cui hanno raccontato il loro percorso educativo annuale nell’ambito del progetto Scuola di Circo Corsaro, realizzato da Fondazione Patrizio Paoletti in collaborazione con l’associazione APD Circo Corsaro nell’ambito del programma Scuole nel Mondo.

L’evento è stato introdotto da Patrizio Paoletti, presidente della Fondazione, e da Maria Teresa Cesaroni, direttrice artistica e pedagogica del progetto Circo Corsaro di Napoli. Rivedilo qui:

Lo scorso anno ci avevano incantato con la loro performance artistica, raccontandoci la loro storia di cambiamento  con straordinaria forza e capacità. Quest’anno ci hanno raccontato un’altra storia. E’ quella di una nuova e improvvisa quotidianità, di un’emergenza nell’emergenza in cui non hanno mai smesso di sognare, immaginare, realizzare un altro futuro possibile.

Tutti possiamo comprendere l’impatto che l’emergenza Coronavirus possa aver avuto su un quartiere come Scampia e sulle vite di questi bambini e ragazzi, che hanno dai 6 ai 22 anni. Ma non possiamo sapere con quanta determinazione e partecipazione, insieme agli educatori del progetto e alle loro famiglie, abbiano spinto per non interrompere le attività, bensì a rimodularle in pochissimo tempo. Per loro sapere che la Scuola di Circo Corsaro c’è e ci sarà, anche se per un tempo il luogo che loro chiamano “casa” (il Teatro Area Nord) non è fisicamente accessibile, è letteralmente un fattore curativo.

L’efficacia pedagogica della Scuola di Circo Corsaro, sin dalla sua nascita, si fonda sulla relazione costruita in modo volontario, così come sul movimento come stimolo per la crescita e per il benessere di mente e corpo. Con l’emergenza sono venute meno entrambe le componenti. Come è stato rimodulato allora il progetto? Ce lo raccontano in prima persona in un’intervista gli educatori: Marco Benini, responsabile dei progetti educativi e sociali della Fondazione Patrizio Paoletti, Maria Teresa Cesaroni, direttrice artistica e pedagogica del progetto Circo Corsaro di Napoli e Foligno, Michele Bandini, regista e formatore teatrale.

Così la Scuola di Circo Corsaro è diventata un modello resiliente, cui tutto il mondo dell’educazione può ispirarsi:

L’emergenza non è solo una difficoltà, è un momento altamente educativo e creativo che va colto. Per questo i ragazzi da subito si sono fatti coinvolgere in attività di scrittura, registrazione di voci, momenti di condivisione di gruppo, disegno e elaborazioni di sequenze di circo a casa. Tutto rigorosamente on-line. E così sarà è stato per “Sguardi”, che ci ha fatto vivere in rete una sintesi artistica di questo lavoro, dotata di un’incredibile carica emotiva.

I ragazzi hanno preparato lo spettacolo proprio per tutti: dai sostenitori della Fondazione, che permettono con passione di realizzare con continuità questo progetto, a chiunque abbia voluto vivere un momento altamente educativo.  Ci ha fatto sentire uniti ci ha regalato un nuovo orizzonte, insegnandoci che, anche nelle condizioni più estreme,tutti possiamo produrre qualcosa di straordinario ed eccellente.

Rivedi qui l’evento!

Iscriviti alla Newsletter