Skip to main content

Neuroscienze, psicopedagogia e didattica a servizio della scuola: Fondazione Patrizio Paoletti alla Fiera Didacta Italia

Da oltre vent’anni Fondazione Patrizio Paoletti realizza  una ricerca pluridisciplinare che muove dalle neuroscienze e la loro applicazione psicopedagogica per realizzare strumenti di didattica efficace. Una linea di ricerca oggi specialmente preziosa per sostenere il mondo della scuola nell’affrontare le attuali sfide globali con un unico scopo: permettere ad ogni persona di entrare in contatto con il proprio immenso potenziale, promuovendo i migliori talenti nei bambini e negli adulti.
In questa prospettiva la Fondazione ha partecipato l’8 marzo a Firenze a Fiera Didacta Italia, tra i più importanti appuntamenti  sull’innovazione del mondo della scuola. Fiera Didacta Italia è organizzata da Firenze Fiera, e sono parte del Comitato Organizzatore Ministero dell’Istruzione e del Merito, Didacta International, Regione Toscana, Comune di Firenze, Unioncamere, Camera di Commercio di Firenze, Florence Convention & Visitors Bureau, ITKAM (Camera di Commercio Italiana per la Germania); mentre INDIRE è partner scientifico.

Fondazione Patrizio Paoletti, da sempre impegnata nella realizzazione di percorsi formativi innovativi per la scuola, è intervenuta al Convegno “Strumenti ed opportunità per la formazione finanziata nelle Scuole Paritarie“, in  collaborazione con Federterziario Scuola, insieme a UGL SCUOLA, FONDITALIA e FORMASICURO SCUOLA.

Il Convegno, realizzato da FormaSicuro SCUOLA ha presentato i risultati della formazione finanziata da FondItalia – Fondo Interprofessionale nel settore Istruzione e Formazione con oltre 250 imprese finanziate.

L’intervento di Rocco Luigi Sassone, Presidente di Formasicuro Organismo Paritetico Nazionale, in apertura del convegno, ha evidenziato la capacità di concertazione dell’Ente Bilatarale di Settore di cogliere le esigenze dei lavoratori, con particolare attenzione al mondo della scuola come evidenziato nell’intervento di  Ornella Cuzzupi Segretario Nazionale UGLScuola. Sono intervenuti, inoltre, Egidio Sangue, direttore di Fonditalia ed il  Presidente di ASSOCIAZIONE FEDERTERZIARIO SCUOLA , Vito Andrea Vinci evidenziando gli sforzi ed i risultati del lavoro orientato a supportare le esigenze più attuali e le urgenze più inderogabili degli insegnanti, attraverso percorsi formativi innovativi per gli insegnanti. Il dettaglio degli interventi di formazione nelle scuole e la l’entusiasmante impatto dei risultati è stato poi illustrato da Marianna Lomi.

L’intervento di Elena Perolfi, per la Fondazione Patrizio Paoletti, si è focalizzato sulla complessità del momento storico, e sulla inderogabile necessità di offrire e sostenere gli adulti e gli insegnanti con strumenti interiori che permettano di fronteggiare le sfide complesse di questo tempo. È proprio la presa di consapevolezza che i gravi disagi giovanili sono specchio di una collettività in difficoltà, infatti, che permette di accogliere la sfida con risolutezza e sviluppare una nuova visione.

Questi i programmi di Fondazione Patrizio Paoletti realizzati nel network Federterziario Scuola disponibili per tutti gli istituti:

–  Insegnare nel mondo che cambia: idee e strumenti per affrontare le difficoltà

Prefigurare il Futuro “Focus on: resilienza”, promosso dal Centro per la Giustizia Minorile per la Campania, oggetto di un protocollo di ricerca ad hoc da parte dell’Università degli Studi di Padova

Teacher Training – La comunicazione relazionale nella didattica on-line

–  L’avanguardia pedagogica dell’inclusione:  pedagogia e neuroscienze, progettato dalla Fondazione Patrizio Paoletti, a partire dalle indicazioni ministeriali, del DGPR “Formazione in servizio del personale docente ai fini dell’inclusione degli alunni con disabilità ai sensi del comma 961, art. 1 della legge 30 dicembre 2020, n. 178 – DM 188 del 21.6.2021.

 

E ancora molti sono i percorsi in prossima uscita, in particolare:

  • Gli stili di apprendimento: come riconoscerli e utilizzarli nella didattica;
  • La pratica dell’osservazione per la differenziazione dell’approccio formativo;
  • La pratica della conduzione di un colloquio;
  • Cosa occorre per insegnare? Come coltivare l’amore per il sapere, amore per i ragazzi;
  • L’intelligenza emotiva come strumento per l’insegnante: Gestire ansia e stress, rigenerare se stessi, coltivare il proprio benessere ed i propri valori più profondi;
  • Come scegliere i contenuti per generare passione nei ragazzi? Il potere delle storie ed il magnetismo in classe

 

 

Sii parte del cambiamento. Condividere responsabilmente contenuti è un gesto che significa sostenibilità

Potrebbe interessarti

    Iscriviti alla newsletter

    NEWSLETTER GEN

    Modulo per l'iscrizione alla newsletter FPP

    Nome(Obbligatorio)
    Email(Obbligatorio)
    Privacy Policy(Obbligatorio)
    Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.