Skip to main content

Intelligenza emotiva

Accettazione

Definizione neuroscientifica e psicologica

L’accettazione è un’emozione articolata e spesso liberatoria, che si manifesta quando una persona smette di resistere a una realtà indesiderata e decide di accoglierla così com’è. Questa emozione permette di trovare pace e serenità, anche nelle situazioni più difficili. Quando accettiamo una situazione, un evento o una condizione, smettiamo di lottare contro ciò che non possiamo cambiare e iniziamo a lavorare con ciò che è presente, permettendoci di andare avanti in modo costruttivo.

Come il nostro cervello sperimenta l’accettazione

Dal punto di vista neuroscientifico, l’accettazione emerge quando il cervello elabora e integra le informazioni in modo tale da ridurre il conflitto interno. Questo processo coinvolge aree del cervello legate alla regolazione emotiva, come la corteccia prefrontale, che aiuta a moderare le risposte emotive intense e a promuovere una visione equilibrata delle circostanze. L’accettazione comporta anche una diminuzione dell’attività nell’amigdala, la struttura del cervello responsabile delle risposte di paura e stress, favorendo così uno stato di calma e adattamento.

La componente cognitiva e psicologica dell’accettazione

Sul piano cognitivo, l’accettazione implica un riconoscimento consapevole e razionale della realtà così com’è. Ciò significa che si smette di negare o resistere alla situazione e si inizia a considerare come affrontarla in modo efficace. Questo cambiamento di prospettiva riduce lo stress e permette di trovare soluzioni più creative e resilienti. L’accettazione è un concetto centrale in psicologia e psicoterapia: implica smettere di lottare contro situazioni o emozioni spiacevoli che non possiamo cambiare. Significa anche prendere consapevolezza che alcuni obiettivi non possono essere raggiunti e, quindi, è meglio non sprecare energie su di essi. Questo processo aiuta a ottimizzare l’uso delle risorse e del tempo, favorendo un nuovo equilibrio emotivo e prevenendo ulteriori stress. In sintesi, l’accettazione è un meccanismo psicologico che permette di utilizzare le risorse in modo più razionale, sospendendo attività inutili e riducendo le emozioni negative. Basandosi sul processo di accettazione, è stata creata negli anni ‘80 l’Acceptance and Commitment Therapy (ACT), una forma di psicoterapia che aiuta le persone ad accettare le loro emozioni e pensieri difficili, invece di combatterli o evitarli. Risulta importante sottolineare che da un punto di vista psicologico l’accettazione è molto diversa dalla rassegnazione, con cui viene spesso scambiata: infatti l’accettazione – come abbiamo visto – implica riconoscere e affrontare consapevolmente una situazione difficile, permettendo di trovare un nuovo equilibrio emotivo e di cercare soluzioni costruttive. Al contrario, la rassegnazione è un atteggiamento passivo di resa, dove si abbandona ogni speranza di cambiamento, portando a sentimenti di impotenza e stagnazione. Mentre l’accettazione promuove la crescita personale e l’adattabilità, la rassegnazione blocca il progresso e alimenta la frustrazione.

La componente di attivazione fisiologica dell’accettazione

A livello fisiologico, l’accettazione porta a una diminuzione dell’attivazione del sistema nervoso simpatico, responsabile delle risposte di “lotta o fuga”. Quando accettiamo una situazione, il nostro corpo tende a rilassarsi, con una riduzione della frequenza cardiaca, una respirazione più profonda e una diminuzione della tensione muscolare. Questi segnali indicano il ritorno a uno stato di equilibrio e tranquillità.

La tonalità edonica dell’accettazione

Lo sfondo emozionale dell’accettazione è prevalentemente positivo. Sebbene possa iniziare con sentimenti di frustrazione o tristezza, l’accettazione culmina in un senso di pace interiore e soddisfazione. Questo stato emotivo migliora la qualità della vita, anche in presenza di sfide significative.

I sistemi motivazionali dell’accettazione

I meccanismi motivazionali correlati all’accettazione includono il desiderio di mantenere l’integrità emotiva e il benessere psicologico. Questo porta spesso a comportamenti che promuovono la resilienza, come cercare supporto sociale, praticare la mindfulness e impegnarsi in attività che favoriscono il benessere.

Emozioni associate all’accettazione

Le emozioni connesse all’accettazione comprendono serenità, gratitudine e speranza. Anche se inizialmente possono esserci emozioni negative come tristezza o frustrazione, l’accettazione trasforma queste emozioni in stati più positivi e costruttivi.

Le micro-espressioni facciali associate all’accettazione

Le micro-espressioni facciali legate all’accettazione includono:

  • un lieve sorriso,
  • una fronte distesa
  • una postura rilassata.

Questi segnali non verbali riflettono uno stato di calma e apertura verso la realtà, indicando che la persona ha raggiunto un equilibrio emotivo e una comprensione profonda della situazione.

Accettazione

Micro-espressioni facciali associate all’accettazione – immagine a scopo illustrativo generata con l’IA.

Bibliografia
  • Geurtzen, N., Scholte, R. H., Engels, R. C., Tak, Y. R., & van Zundert, R. M. (2015). Association between mindful parenting and adolescents’ internalizing problems: Non-judgmental acceptance of parenting as core element. Journal of Child and Family Studies, 24, 1117-1128.
  • Gloster, A. T., Walder, N., Levin, M. E., Twohig, M. P., & Karekla, M. (2020). The empirical status of acceptance and commitment therapy: A review of meta-analyses. Journal of contextual behavioral science, 18, 181-192.
  • Kashdan, T. B., & Ciarrochi, J. V. (Eds.). (2013). Mindfulness, acceptance, and positive psychology: The seven foundations of well-being. New Harbinger Publications.
  • Kober, H., Buhle, J., Weber, J., Ochsner, K. N., & Wager, T. D. (2019). Let it be: mindful acceptance down-regulates pain and negative emotion. Social cognitive and affective neuroscience, 14(11), 1147-1158.
  • Michalak, J., Teismann, T., Heidenreich, T., Ströhle, G., & Vocks, S. (2011). Buffering low self-esteem: The effect of mindful acceptance on the relationship between self-esteem and depression. Personality and Individual Differences, 50(5), 751-754

Iscriviti alla newsletter

NEWSLETTER GEN

Modulo per l'iscrizione alla newsletter FPP

Nome(Obbligatorio)
Email(Obbligatorio)
Privacy Policy(Obbligatorio)
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.