fbpx

Emergenza Ucraina. Le storie al confine raccolte dai nostri operatori: Stefan

Continua la guerra tra Russia e Ucraina. E con questa anche il flusso di profughi che senza sosta lascia il proprio paese in cerca di un posto sicuro per ricominciare a vivere. Stefan Mandachi è il proprietario di un hotel al confine tra Ucraina e Romania, che fin dai primi giorni dei combattimenti ha aperto le sue porte a tante donne e bambini in fuga. I nostri operatori lo hanno incontrato proprio qui.

Stefan confessa di aver avuto l’idea di mettere la propria struttura alberghiera al servizio dell’accoglienza e dell’ospitalità dei profughi della guerra ucraina fin da quando in televisione ha sentito le prime notizie dell’aggressione russa. Non ha esitato un secondo. Le sue parole esprimono l’urgenza e la necessità di aiutare subito perché domani potrebbe essere troppo tardi. Si sono uniti a lui non solo i lavoratori dell’albergo, ma anche tante persone comuni che gli hanno subito scritto per offrire il loro aiuto come volontari. Tra questi anche medici e psicologi.

Perché nel centro di prima accoglienza nato in questo albergo i profughi di passaggio non ricevono solo cibo, acqua, coperte e un posto in cui sostare prima di partire per le altre destinazioni europee, ma anche sostegno da parte di professionisti al servizio della loro salute e del loro benessere dopo aver vissuto il trauma dei bombardamenti.

Dall’inizio della guerra ad oggi, Stefan ha ospitato nel suo albergo più di 4000 profughi ucraini, in prevalenza madri e figli, sorelle, nonne in fuga dagli orrori con i loro animali di compagnia, in prevalenza cani e gatti, perché nessuno può essere lasciato indietro. E veder sorridere queste persone una volta al sicuro, anche se solo per un istante, riempie a Stefan, e a tutti noi, il cuore di gioia.

Fondazione Patrizio Paoletti, dopo una prima operazione di invio di beni di prima necessità e di accoglienza al confine realizzata in collaborazione con Fondazione Progetto Arca Onlus, continua la sua azione di aiuto ai profughi della guerra in Ucraina,. Stiamo attivando un progetto in Italia per:

  • Realizzare servizi per l’infanzia in supporto a operatori, volontari, famiglie e cittadini per l’accoglienza
  • Supporto emotivo, relazionale, psicologico, formativo per i profughi
  • Favorire l’integrazione ed inclusione scolastica dei bambini ucraini che arrivano in Italia

Aiutaci a realizzare tutto questo!

Dona ora

accoglienza, bambini, donne, guerra, pace, profughi, Russia, scolarizzazione, Ucraina

Iscriviti alla newsletter