fbpx

Contrastare il declino cognitivo è un lavoro di squadra per corpo e mente: la ricerca di Fondazione Paoletti sul Quadrato Motor Training alla AD/PD Conference

Le malattie neurodegenerative come Alzheimer e Parkinson rappresentano ancora oggi una sfida difficilissima e insoluta per la ricerca. La loro diffusione tra la popolazione mondiale richiama alla necessità di migliorare gli strumenti di contrasto e trovarne di nuovi e più efficaci.

La ricerca scientifica ha dimostrato che gli allenamenti più efficaci per contrastare il declino cognitivo sono quelli che uniscono l’impegno mentale con quello fisico. In questa direzione, la Fondazione Patrizio Paoletti, con il suo istituto di ricerca, il RINED, conduce da anni ricerche sulla tecnica Quadrato Motor Training (QMT), ideata da Patrizio Paoletti. Si tratta di una tecnica motoria che allena l’attenzione e la capacità di “attesa attiva”, ovvero una capacità di prontezza neutrale rispetto alle sollecitazioni.

La ricerca condotta finora ha mostrato che il QMT può avere degli effetti di contrasto al declino cognitivo, grazie alla sincronizzazione cerebrale. I risultati preliminari di questa ricerca saranno presentati da Tal Dotan Ben-Soussan, direttrice del RINED, alla Conferenza Internazionale AD/PD 2022, con un intervento dal titolo: “Il Quadrato Motor Training come possibile strumento per l’allenamento cognitivo sensori-motorio negli stati neurodegenerativi”.  La conferenza si terrà a Barcellona, in presenza e online, dal 15 al 20 marzo. Per maggiori informazioni sull’evento: https://adpd.kenes.com/

La Fondazione Patrizio Paoletti è impegnata da diversi anni nella ricerca sul possibile beneficio del Quadrato Motor Training per i pazienti con disturbi neurodegenerativi e ulteriori indagini sono attualmente in corso. Per saperne di più, visita il sito del RINED: www.rined.institute

Alzheimer, cervello, conferenza, malattie neurodegenerative, mente, Parkinson, quadrato motor training, ricerca

Iscriviti alla newsletter