Modello Sferico della Coscienza

Il Modello Sferico della Coscienza (Sphere Model of Consciousness – SMC) è pensato per simboleggiare la fenomenologia della coscienza utilizzando le proprietà geometriche delle coordinate spaziali all’interno di una figura sferica (vedi Figura 1).

Ogni asse dell’SMC rappresenta il dispiegamento e la polarità di un aspetto dell’esperienza, con un punto di equilibrio al centro della sfera e una scala graduata che indica la distanza dal centro. Il centro della sfera rappresenta un punto di equilibrio, rispetto a tre coordinate spaziali, ovvero: (1) un asse orizzontale delle emozioni che rappresenta le polarità emotive di piacevole e spiacevole, (2) un asse verticale dell’autodeterminazione che rappresenta le dimensioni del valore e dell’aspirazione e (3) un asse del tempo che rappresenta il dispiegamento temporale tra passato e futuro. Il centro può essere considerato uno stato di “superamento del sé”, cioè uno stato di neutralità e di distacco dalle esperienze abituali del Sé Narrativo e del Sé minimo. È stato suggerito che le esperienze legate al Sé Narrativo sono percepite come più lontane dal corpo, più astratte e legate al futuro e al passato. Il Sé Narrativo, il Sé Minimo e il Superamento del Sé sono rappresentati nell’SMC come cerchi concentrici attorno al centro della sfera, con una maggiore distanza dal centro che indica un’esperienza di sé più astratta.

 

 

Bibliografia
  • Paoletti P. Flussi, Territori, Luogo. Madeira, Portugal: M.E.D. Publishing; 2002

  • Paoletti P. Flussi, Territori, Luogo II. Madeira, Portugal: M.E.D. Publishing; 2002

  • Paoletti, P., & Ben Soussan, T. D. (2019). The sphere model of consciousness: from geometrical to neuro-psycho-educational perspectives. Logica Universalis13, 395-415.

Iscriviti alla newsletter

NEWSLETTER GEN

Modulo per l'iscrizione alla newsletter FPP

Nome(Obbligatorio)
Email(Obbligatorio)
Privacy Policy(Obbligatorio)
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.