Skip to main content

Interocezione

Che cos’è la consapevolezza corporea e che ruolo gioca in essa l’interocezione?

La consapevolezza corporea rappresenta la nostra capacità di percepire, interpretare e rispondere alle sensazioni provenienti dal nostro corpo. Questa consapevolezza si basa sull’interocezione, un processo attraverso il quale il cervello riceve e analizza segnali provenienti da organi interni, inclusi il cuore, lo stomaco e i polmoni. L’interocezione è fondamentale per regolare funzioni critiche come la fame, la sete, il ritmo cardiaco e la respirazione. Inoltre, svolge un ruolo importante nella percezione delle emozioni e nel mantenimento dell’equilibrio psicofisico.

 

Come avviene l’interocezione nel cervello?

L’interocezione avviene attraverso una complessa rete neurale che collega gli organi interni al cervello. Questa rete include il sistema nervoso autonomo, che trasmette segnali in modo bidirezionale tra il cervello e gli organi interni. I segnali interocettivi viaggiano verso il cervello attraverso percorsi neurali specifici, raggiungendo aree come l’insula, la corteccia somatosensoriale e il cingolo anteriore. Queste regioni del cervello sono cruciali per elaborare e interpretare le sensazioni interne, contribuendo alla nostra consapevolezza corporea e influenzando il nostro comportamento e le nostre emozioni.

 

Perché è importante una corretta interocezione per il nostro benessere?

Una corretta interocezione è essenziale per mantenere l’equilibrio fisiologico e psicologico. Essa consente di regolare in modo efficace risposte fisiologiche cruciali come la fame, la sete e il sonno. Sul piano psicologico, l’interocezione aiuta a comprendere e gestire le emozioni, dato che molte emozioni sono strettamente legate alle sensazioni corporee. Ad esempio, il riconoscimento della tachicardia può essere associato alla paura o all’ansia. Una carente consapevolezza interocettiva può portare a difficoltà nella regolazione emotiva e a disturbi come l’ansia, la depressione o i disturbi alimentari.

 

Come si può valutare la propria capacità interocettiva?

La capacità interocettiva può essere valutata attraverso diversi metodi. Uno dei più comuni è il test di percezione del battito cardiaco, che misura la capacità di una persona di percepire il proprio battito cardiaco senza toccare il petto. Altri metodi includono questionari autovalutativi e tecniche di neuroimaging come la risonanza magnetica funzionale (fMRI), che può osservare l’attività cerebrale durante compiti interocettivi.

 

Come si può migliorare l’interocezione?

L’interocezione può essere migliorata attraverso pratiche specifiche. Ad esempio, la mindfulness e la meditazione si sono dimostrate efficaci nell’aumentare la consapevolezza corporea. Queste pratiche incoraggiano l’attenzione concentrata sulle sensazioni interne, migliorando così la capacità di percepire e interpretare segnali interni. Anche la pratica regolare dello yoga può aiutare, in quanto combina la consapevolezza del respiro e del movimento corporeo, promuovendo un maggiore ascolto del corpo. Come abbiamo visto, la valutazione e il miglioramento della capacità interocettiva possono portare a una migliore qualità di vita, una maggiore consapevolezza di sé e un benessere generale più elevato. Con la crescente comprensione di queste dinamiche, possiamo iniziare a integrare pratiche come la mindfulness e lo yoga nella nostra routine quotidiana per coltivare una migliore consapevolezza corporea e favorire un’esistenza più equilibrata e armoniosa.

 

Bibliografia
  • Balconi, M., & Angioletti, L. (2019). Emozioni e interocezione. Il ruolo dell’integrazione intersensoriale secondo la prospettiva neurofisiologica. In Atti del «XXV Congresso Nazionale della Sezione di Psicologia Sperimentale AIP» (pp. 179-179). Associazione Italiana di Psicologia-Sezione di Psicologia Sperimentale.
  • Craig, A. D. (2002). How do you feel? Interoception: the sense of the physiological condition of the body. Nature reviews neuroscience, 3(8), 655-666.
  • Khalsa, S. S., Adolphs, R., Cameron, O. G., Critchley, H. D., Davenport, P. W., Feinstein, J. S., … & Zucker, N. (2018). Interoception and mental health: a roadmap. Biological psychiatry: cognitive neuroscience and neuroimaging, 3(6), 501-513.
  • Shah, P., Catmur, C., & Bird, G. (2017). From heart to mind: Linking interoception, emotion, and theory of mind. Cortex; a journal devoted to the study of the nervous system and behavior, 93, 220.
  • Weng, H. Y., Feldman, J. L., Leggio, L., Napadow, V., Park, J., & Price, C. J. (2021). Interventions and manipulations of interoception. Trends in neurosciences, 44(1), 52-62.
  • Werner, N. S., Jung, K., Duschek, S., & Schandry, R. (2009). Enhanced cardiac perception is associated with benefits in decision‐making. Psychophysiology, 46(6), 1123-1129.

 

 

 

Iscriviti alla newsletter

NEWSLETTER GEN

Modulo per l'iscrizione alla newsletter FPP

Nome(Obbligatorio)
Email(Obbligatorio)
Privacy Policy(Obbligatorio)
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.