Skip to main content

Emergenza educativa

Che cos’è l’emergenza educativa?

Il termine ‘emergenza educativa’ si riferisce a una situazione in cui il sistema educativo di una determinata area o paese è compromesso o gravemente compromesso a causa di una serie di fattori o eventi. Questi fattori o eventi possono includere crisi economiche, conflitti armati, disastri naturali, pandemie, mancanza di risorse educative adeguate o altri problemi che impediscono l’accesso all’istruzione di qualità.

Come emergenza educativa si intende oggi – da più parti – anche la crisi dell’istruzione fornita alle giovani generazioni. La società attuale mostra chiaramente i segni di questa crisi nell’esperienza educativa, che coinvolge non solo le scuole, ma anche le famiglie, la società e tutti i luoghi che contribuiscono all’educazione dei giovani.

L’emergenza educativa può avere gravi conseguenze per la popolazione coinvolta, in particolare per i bambini e i giovani, che possono essere privati dell’opportunità di apprendere e svilupparsi pienamente. Questa situazione può portare a un divario educativo significativo e avere impatti a lungo termine sulla società, inclusi problemi di disoccupazione, povertà e mancanza di opportunità.

 

Quali sono le cause più frequenti?

Guerre, disastri, interruzione dell’accesso all’istruzione: in situazioni di emergenza il sistema educativo può essere interrotto o completamente sospeso, le scuole danneggiate o distrutte, i docenti costretti a interrompere le lezioni: in questa situazione i bambini non riescono a partecipare in presenza alle attività scolastiche.

Fuga di docenti e studenti: in situazioni di emergenza, molti docenti e studenti spesso sono costretti a fuggire dalle loro case o comunità, portando a una dispersione della popolazione scolastica e alla perdita di continuità nell’apprendimento.

Mancanza di risorse educative: in molti casi le emergenze comportano una mancanza di risorse essenziali per l’istruzione, tra cui materiali didattici, infrastrutture scolastiche adeguate e servizi di supporto.

 

Che effetti può avere sui singoli?

Una situazione di emergenza educativa può avere significative ricadute psicologiche sui sulle persone, in particolare sugli studenti, ma anche sugli insegnanti e i genitori. Le conseguenze possono variare in base alla gravità e alla durata dell’emergenza. Alcune delle ricadute più comuni includono:

Stress e ansia: gli studenti sperimentano spesso elevati livelli di stress e ansia dovuti all’incertezza sulla continuità delle loro attività scolastiche. L’ansia può essere causata dalla paura di rimanere indietro negli studi o dalla preoccupazione per il proprio futuro educativo. L’incertezza e la discontinuità nell’istruzione portano a sentimenti di disagio emotivo, tra cui tristezza, frustrazione e confusione: gli studenti possono a volte sentirsi sopraffatti dalla situazione.

Isolamento sociale e perdita di routine: la chiusura delle scuole o la mancanza di accesso all’istruzione possono portare a un isolamento sociale, poiché gli studenti perdono l’opportunità di interagire con i loro coetanei e con gli insegnanti. Anche l’interruzione della routine scolastica può causare sensazioni di perdita di controllo e disagio, con un impatto negativo sul benessere emotivo.

 

Tensioni familiari: i genitori possono sperimentare stress aggiuntivo quando devono affrontare le sfide legate all’istruzione dei loro figli durante un’emergenza educativa.

Difficoltà di apprendimento: la mancanza di accesso alle fonti o la qualità inferiore dell’istruzione influenzano negativamente il processo di apprendimento degli studenti, che accumulano lacune difficilmente recuperabili.

Impatto a lungo termine: a seconda della durata e della gravità dell’emergenza, le ricadute psicologiche possono persistere a lungo termine e influenzare il benessere e le opportunità educative degli individui nel corso del tempo. È importante riconoscere che il supporto psicologico svolge un ruolo positivo, sia durante che dopo un’emergenza educativa. Gli interventi di sostegno contribuiscono a mitigare alcune delle ricadute negative sulla salute mentale ed emotiva degli individui coinvolti.

 

Che effetti può avere sulla società?

Disparità educative: l’emergenza educativa può amplificare le disparità educative esistenti, con i bambini più vulnerabili che sono spesso i più colpiti. Questo contribuisce a un divario di apprendimento tra i gruppi socioeconomici.

Aumento della povertà: la mancanza di istruzione limita le opportunità future di lavoro e reddito, portando a un aumento della povertà a lungo termine nella società.

Perdita di capitale umano: i bambini e i giovani non sviluppano appieno le loro abilità e il loro potenziale e questo può avere un impatto negativo sulla crescita economica e sul progresso sociale.

Vulnerabilità continua: le comunità colpite da un’emergenza educativa possono diventare più vulnerabili a future crisi, poiché la mancanza di istruzione limita la loro capacità di adattarsi e di affrontare sfide.

Rischio di radicalizzazione: in alcune situazioni, l’assenza di opportunità educative fa aumentare il rischio che i giovani vengano coinvolti in attività radicali o illegali.

 

Come si affronta?

L’emergenza educativa ha un impatto maggiore sui giovani e nei loro ambienti, ma la sua origine sembra risiedere anche negli adulti, in coloro che hanno responsabilità nella società. La crisi educativa è spesso caratterizzata dalla mancanza di orientamenti chiari e dalla difficoltà degli adulti nel fornire un senso di scopo e una comprensione della realtà che sia significativa e in grado di guidare e coinvolgere i ragazzi e i giovani.

Affrontare un’emergenza educativa richiede un impegno a lungo termine per ripristinare l’accesso all’istruzione, supportare il benessere emotivo degli studenti e garantire che l’istruzione sia sostenibile e in grado di affrontare eventuali future crisi. Gli sforzi coordinati da parte di governi, organizzazioni non governative e comunità locali sono essenziali per mitigare gli impatti negativi sulla società e garantire che tutti gli studenti abbiano pari opportunità di apprendimento.

 

Bibliografia
  • Acone, G. (2009). Cultura prevalente ed emergenza educativa. Pedagogia e Vita, 2, 8-18.
  • Aguliera, E., & Nightengale-Lee, B. (2020). Emergency remote teaching across urban and rural contexts: perspectives on educational equity. Information and Learning Sciences, 121(5/6), 471-478.
  • Oliveira, L., Mesquita, A., Sequeira, A., & Oliveira, A. (2020). Emergency Remote Learning during COVID-19: socio-educational impacts on Portuguese students. In International Conference on Interactive Collaborative Learning (pp. 303-314). Cham: Springer International Publishing.
  • Rousoulioti, T., Tsagari, D., & Giannikas, C. N. (2022). Parents’ new role and needs during the COVID-19 educational emergency. Interchange, 53(3-4), 429-455.

 

Iscriviti alla newsletter

NEWSLETTER GEN

Modulo per l'iscrizione alla newsletter FPP

Nome(Obbligatorio)
Email(Obbligatorio)
Privacy Policy(Obbligatorio)
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.