E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Le nuove Pergamene solidali

    Le nuove Pergamene solidali
    Prezzo: 3,50 €

    Sono arrivate le nuove pergamene solidali, dai un valore ancora più profondo ai momenti......

    approfondisci
  • T-Shirt Vivi Appassionatamente uomo

    T-Shirt Vivi Appassionatamente uomo
    Prezzo: 20,00 €

    Vivi Appassionatamente, dillo a tutti! Acquistando la maglietta della fondazione Paoletti non solo......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / Il sorriso della felicità, Ferdinando l'altissimo...

News

Bookmark and Share
Il sorriso della felicità, Ferdinando l'altissimo 'minore'
Il sorriso della felicità, Ferdinando l'altissimo 'minore'

A Padre Ferdinando Severi, con il quale abbiamo avuto l'onore di collaborare negli ultimi 10 anni per il futuro dei bambini dell'Indonesia.

di Paolo Paoletti

Quando ho saputo la notizia, mi è tornato alla mente il suo sorriso, atto di verità. Sorrideva Ferdinando, sempre e comunque, augurandoti tante benedizioni e lodi al buon Dio. Padre Severi lo ha raggiunto, era inevitabile, come la missione che ha abbracciato tutta la sua vita: dare felicità alle genti di laggiù, Banda Aceh, Sumatra. Lo faceva da anni quando l'ho conosciuto, in una piccola scuola che accoglieva i bimbi della tribù Batak, in Indonesia, sua seconda patria.

Lo faceva con amore sconfinato, mascherato dalla laboriosità che solo un 'Minore' sa esprimere: la vita dedicata agli altri per vincere la battaglia della vocazione. Molte volte mi ha confessato la durezza di questa battaglia, vocarsi all'altro in uno degli angoli più poveri della Terra, l'Indonesia dei maremoti, dello tsunami, nemico imbattibile silenzioso e deviante.

Anche quel 26 dicembre del 2004, il mare non avvertì. Come fa la morte che non rispetta nessuno. Per Fondazione Paoletti, incontrai con mio fratello Patrizio, un altro illuminato Vincenzo Coli, Custode del Sacro Convento di Assisi. L'Indonesia di Padre Severi aveva bisogno dell'anima di Francesco, ricco della sua povertà. Ricco. E con la ricchezza di chi sceglie di esserci, la Fondazione finanziò un primo pronto intervento per i bambini di Budi Dharma, prigionieri di un incubo, la violenza del mare!

Giorno dopo giorno, il sorriso di Ferdinando curò le ferite di quei bambini, le loro famiglie, i lavoranti della scuola... Contagioso anche per noi, che per anni abbiamo lottato al suo fianco per quei bambini ed il loro futuro.

Quel sorriso di felicità messo su carta fu il primo grande atto di speranza per Banda Aceh e il primo grande augurio che accompagnò la Carovana del Cuore, il nostro evento nato per dire alle persone che al cuore non si comanda. Padre Severi è stato un testimone altissimo di vita appassionata, incarnato nel senso della vita, della passione che spinge ogni cosa. Come seppe descrivere in una sua lettera, evento nell'evento, fremito lungo la schiena di trenta giovani, non solo d'Italia, stretti da un patto: chiedere a tutti, in ogni dove, ogni spiaggia, ogni angolo di strada, nei vicoli e nelle piazze di non dimenticarsi mai di sè.

Il sè è stata la nota costante che Ferdinando ha risuonato nei cuori di tutti, i nostri come quelli dei suoi bambini: con una telefonata, una breve e-mail, un saluto che arrivava puntuale da laggiù. Come una carezza. Per raccontarci che la vita è meravigliosa e domani è sempre un nuovo giorno. Con queste certezza ed il piccolo-grande aiuto di Fondazione Paoletti, in 6 mesi Budi Dharma, la prima scuola del Progetto Scuole nel Mondo, tornò a vivere, a dare felicità anche a chi aveva perso tutto ma difeso strenuamente se stesso.

Lode a te caro Ferdinando per tutto quanto hai fatto. E tante benedizioni. Il buon Dio ora ti è accanto.