E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Il Beauty da spiaggia

    Il Beauty da spiaggia
    Prezzo: 8,00 €

    Rinnova il tuo stile, porta con te ciò che hai più a cuore! E' coloratissimo,......

    approfondisci
  • Le magliette del sorriso - Uomo

    Le magliette del sorriso - Uomo
    Prezzo: 15,00 €

    Il sorriso è un obbligo sociale! Ci rende più sereni, allunga la vita, fa bene al......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / 100.000 pasti a Milano: "Qui regna la...

News

Bookmark and Share
100.000 pasti a Milano: "Qui regna la dignità". La testimonianza di Monica
100.000 pasti a Milano: "Qui regna la dignità". La testimonianza di Monica

Fondazione Paoletti è lieta di pubblicare la testimonianza di Monica, volontaria che partecipato con impegno e sensibilità al progetto "100.000 pasti" per i senzatetto di Milano con la distribuzione presso il centro di Via Mambretti.

"A volte le cose più belle nascono così... spontaneamente. Ore 13.30, pranzo. Qualcuno inizia a parlare della possibilità di fare una serata di volontariato. L'entusiasmo, come spesso accade, è contagioso. Così dall'idea si passa ai fatti concreti. Il venerdì successivo siamo tutti arruolati per quella che sarà la nostra prima esperienza da volontari con la Fondazione Paoletti.

Nel breve tragitto che ci porta al centro di accoglienza di via Mambretti, ognuno di noi è profondamente immerso nei suoi pensieri e nelle sue emozioni: curiosità, magari anche un po' di timore, ma essenzialmentetantissima energia e voglia di fare. Ci accoglie una ragazza gentilissima, una di quelle persone che, se anche non le conosci, riescono a trasmetterti subito tranquillità e ottimismo. Ci spiega i nostri "compiti" per la distribuzione della cena e finalmente, intorno alle 20.00, siamo pronti per iniziare.

I primi ospiti del dormitorio, con un ordine per me inaspettato, iniziano a mettersi in fila: pasta, riso, uova, tonno. Qualcuno chiede una porzione un po' più abbondante, ma nessuno, benchè di sicuro abbia una fame che gli farebbe divorare l'intero vassoio, insiste o si arrabbia. Il tempo passa velocemente tra un sorriso e un mestolo di purè. Alle 22.00 tutti gli ospiti sono stati serviti e alcuni vanno a riposare. Altri decidono di passare ancora un po' di tempo insieme nella grande stanza adibita a mensa. Così, tra chi gioca a carte e chi scambia due chiacchiere con i suoi connazionali, noi finiamo di pulire e riordinare.

Qui regna davvero la dignità, ci sono i poveri e nuovi poveri, quelli che una volta appartenevano alla classe media. Ci sono tantissime etnie e culture differenti e ogni persona che si trova in questo posto ha una storia diversa. C'è chi fa amicizia con noi, chi invece preferisce consumare la sua cena in silenzio, ma di sicuro ognuna di queste persone, in poco tempo, è riuscita a farci riflettere profondamente. Grazie a questa, seppur piccola, esperienza ho potuto ridisegnare un certo ordine di priorità nella mia vita.

Un grazie speciale va a Cristiana, che ci ha permesso di immergerci in questa realtà sconosciuta, ad Antonio e Matteo per l'allegria che sono riusciti a trasmettere, a tutti i volontari della Fondazione per l'impegno, la passione e la competenza con cui ogni giorno riescono a dare una speranza ai senzatetto, lasciando loro uno spiraglio aperto dal quale intravedere una nuova luce."
Monica Miglio

Ti ricordiamo che il progetto continua a Milano e a Parma anche a febbraio e marzo.

Se hai il desiderio di partecipare e offrire il tuo contributo volontario, scrivici a 1milionepasti@fondazionepatriziopaoletti.org. Se invece vuoi sostenere l'impegno dei nostri volontari, effettua una donazione.
 

Obiettivo 2013: 1 milione di pasti   |   Volontariato   |   100.000 pasti a Milano e Parma