E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Biglietto "LOVE"

    Biglietto "LOVE"
    Prezzo: 2,00 €

    A San Valentino, diglielo con i regali del cuore! Rendi il tuo messaggio d'amore ancora più......

    approfondisci
  • Biglietto di Natale "Christmas Gift"

    Biglietto di Natale "Christmas Gift"
    Prezzo: 2,00 €

    Rendi questo Natale ancora più speciale! Arricchisci i tuoi regali con i nuovi biglietti di......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / I miei regali? Li voglio dare ai bambini terremotati. Tina,...

News

Bookmark and Share
I miei regali? Li voglio dare ai bambini terremotati. Tina, 9 anni, maestra di solidarietà.
I miei regali? Li voglio dare ai bambini terremotati. Tina, 9 anni, maestra di solidarietà.

Gli esperti e i volontari della Fondazione Patrizio Paoletti continuano a vivere fianco a fianco con le persone colpite dal terremoto in Emilia Romagna. Il campo è quello di San Biagio, che ad oggi ospita 180 persone di etnie e religioni diverse, impegnate insieme a superare il momento di difficoltà. Dopo aver diffuso, subito dopo le scosse più violente, il vademecum “Come affrontare il terremoto con i propri figli”, i nostri operatori si sono impegnati nell’assistenza alle famiglie e nella realizzazione di attività ludiche per restituire il sorriso ai tanti bambini ospitati dal campo.

In questo momento, è bellissimo leggere le righe di passione che una famiglia di Modena ha voluto scriverci, sottoscrivendo una donazione per questa emergenza. Sono parole che aprono il cuore quelle dei genitori di Tina, una bambina di 9 anni che ha deciso di rinunciare ai regali del suo compleanno per destinarli ai bambini terremotati del campo di San Biagio.

La sua famiglia è riuscita a raccogliere una somma di denaro per l’intervento della Fondazione in Emilia organizzando una festicciola con amici e parenti. Questo gesto solidale, le parole colme di significato di Tina e dei suoi genitori, rappresentano esattamente quella ricchezza inestimabile che la nostra Italia possiede e che ci permetterà di superare, insieme, qualsiasi difficoltà: la solidarietà.

"Modena, 6 luglio 2012
Carissima Fondazione,
questo è ciò che siamo riusciti a raccogliere in occasione del compleanno di nostra figlia Tina. E’ stato meraviglioso vedere la generosità dei pochi presenti (molti amici erano già partiti per le ferie) e la sensibilità di una bimba di 9 anni che ha rinunciato a qualche regalo per destinarlo ai bambini che vivono nelle zone colpite maggiormente dal sisma.
Siamo lieti di sostenere le attività della Fondazione Patrizio Paoletti e ringraziamo voi volontari, che siete in prima linea in questa situazione tanto delicata.
F. e M."

Sono tanti i sostenitori che, come Tina e i suoi genitori, hanno compreso l’importanza di esserci, che hanno scelto di offrire il loro contributo per essere simbolicamente accanto alle popolazioni emiliane e non dimenticarle. La loro è una scelta preziosa: la solidarietà è la spinta più forte in questo lungo e arduo percorso di ritorno alla quotidianità.

Fai una donazione per l'Emilia   |   L'intervento della Fondazione in Emilia   |    Vademecum "Come affrontare il terremoto con i propri figli"