E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Tazza Tea Bag

    Tazza Tea Bag
    Prezzo: 10,00 €

    Vivi Appassionatamente, dillo da tutti! E se è vero che il buongiorno si vede dal mattino......

    approfondisci
  • Tazza: "La felicità altrui è..."

    Tazza: "La felicità altrui è..."
    Prezzo: 8,00 €

    Tazza da collezione 21Minuti - I saperi dell'eccellenza (MINI MUG) A colazione lasciati ispirare......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / Il rumore danneggia la salute, perché dobbiamo...

News

Bookmark and Share
Il rumore danneggia la salute, perché dobbiamo riscoprire il valore del silenzio
Il rumore danneggia la salute, perché dobbiamo riscoprire il valore del silenzio

di ANDREA MINCIARONI

Una ricerca guidata da Thomas Munzel, del Medical Center di Mainz, in Germania, ha dimostrato che i rumori eccessivi non solo provocano fastidi e problemi al sistema uditivo, ma hanno un impatto notevole e negativo sulla salute umana.

Secondo questa ricerca, l’esposizione al rumore, costante o per brevi periodi, può causare una variazione delle funzioni fisiologiche dell’organismo, come l’aumento della pressione sanguigna e dell’attività cardiaca. Il nostro corpo, quando entra in contatto con fattori di stress, reagisce in due modi diversi: attiva un sistema di lotta o fuga che ci aiuta ad affrontare il problema o a fuggire da esso. In entrambi i casi si attivano due sistemi neuro-ormonali: la prima reazione attiva il sistema simpatico e causa il rilascio di adrenalina e noradrenalina, la seconda invece libera corticosteroidi. Il rilascio di queste sostanze, provoca un aumento della pressione, dell’attività cardiaca e dei lipidi nel sangue. Tutti fattori di rischio per il sistema cardiovascolare che possono provocare infarti e ictus.

Giovanni Mosconi, direttore della Usc di medicina del lavoro dell’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo, ha affermato che: “Ogni 10 decibel di incremento del rumore cronico si eleva il rischio cardiovascolare tra il 7 e il 17 %”.

Nel 2011, l’OMS, come si può leggere in questo rapporto, ha stimato quanto pesano gli effetti dei rumori ambientali sulle nostre vite in termini di anni di vita persi a causa di disabilità o morte. Nell’Europa occidentale ogni anno vengono persi 45mila anni a causa di deterioramento cognitivo dovuto a rumore indotto nei bambini, 61mila anni a causa di malattie cardiovascolari indotte dal rumore, 903mila a causa dei disturbi del sonno e 22mila anni a causa di acufeni (ronzio persistente nell’orecchio).

Riscoprire il valore del silenzio, come elemento in grado di migliorare la nostra salute psico fisica, oggi è una necessità. Sono sempre più numerosi gli studi, in vari ambiti del sapere e in tutto il mondo, che indagano il modo in cui il silenzio può aiutarci a diminuire il carico di stress che accumuliamo ogni giorno, producendo un impatto positivo a lungo termine sul nostro cervello e su diverse performance cognitive. Per questo motivo nasce “I.C.O.N.S" - La prima conferenza internazionale sulla neurofisiologia del silenzio, l'unica conferenza scientifica interdisciplinare in Europa che fa convergere gli studi sul tema del silenzio di 17 ricercatori di Università ed Enti in tutto il mondo: India, Italia, Stati Uniti, Israele, Regno Unito, Germania.

Scopri di più.