Skip to main content

Intelligenza emotiva

Gratitudine Copia

La gratitudine, un’emozione positiva legata al riconoscimento e all’apprezzamento delle esperienze positive nella vita di un individuo, può essere accompagnata da micro-modificazioni facciali che riflettono l’emozione di apprezzamento e riconoscenza. Nell’ambito delle neuroscienze emotive, l’osservazione delle espressioni facciali fornisce un importante indicatore dell’esperienza della gratitudine.

Le micro-espressioni facciali associate alla gratitudine spesso coinvolgono regioni del volto come gli occhi, la bocca e le guance. Gli occhi possono assumere un’espressione di luminosità e ammirazione, con un’apertura e una brillantezza che indicano un senso di apprezzamento. La bocca può sollevarsi leggermente ai lati, formando un sorriso gentile e sincero, mentre le guance possono lievemente arrossire, manifestando un sentimento di calore interiore.

Micro-modificazioni facciali associate alla gratitudine – immagine illustrativa generata con l’IA

La comprensione delle micro-espressioni facciali legate alla gratitudine fornisce preziose informazioni sulla natura dell’esperienza emotiva e sul coinvolgimento dei processi neurali nell’espressione della gratitudine. Gli studi in questo ambito continuano a esplorare le correlazioni tra queste espressioni e l’attivazione neurale associata alla gratitudine, contribuendo così alla nostra comprensione della risposta emotiva umana e delle sue implicazioni per la salute mentale e il benessere individuale.

 

Aspetti neuroscientifici

La gratitudine è un’emozione positiva che si manifesta attraverso il riconoscimento e l’apprezzamento delle esperienze positive, dei favori ricevuti o delle relazioni significative nella vita di un individuo. Dal punto di vista neuroscientifico, la gratitudine è oggetto di studio attraverso l’analisi dei circuiti cerebrali e dei processi neurali coinvolti nella sua generazione e nel suo mantenimento.

L’attivazione delle regioni cerebrali coinvolte nella gratitudine, come l’insula e la corteccia prefrontale mediale, è associata alla percezione del beneficio ricevuto e alla generazione di sentimenti di apprezzamento. Queste regioni lavorano in sinergia con il sistema di ricompensa del cervello, che include l’area ventrale tegmentale e il nucleo accumbens, per promuovere sensazioni di soddisfazione e benessere.

Neurotrasmettitori come la dopamina e la serotonina svolgono un ruolo cruciale nella modulazione della gratitudine. Livelli più elevati di questi neurotrasmettitori sono correlati a una maggiore esperienza di gratitudine e felicità, mentre disturbi neurochimici che influenzano la loro regolazione possono compromettere la capacità di provare gratitudine.

La pratica della gratitudine può anche influenzare la plasticità cerebrale, facilitando la formazione di nuove connessioni neuronali e potenziando il funzionamento delle regioni cerebrali coinvolte nell’esperienza emotiva. Questo suggerisce che la gratitudine non solo è una risposta emotiva temporanea, ma può anche avere effetti duraturi sulla salute mentale e sul benessere psicologico.

La ricerca sulle basi neurali della gratitudine contribuisce non solo a comprendere la natura dell’emozione stessa, ma può anche informare strategie terapeutiche e interventi che promuovono la pratica della gratitudine per migliorare la salute mentale e il benessere individuale.

 

Definizioni di gratitudine

Il termine “gratitudine” deriva dalla parola latina gratus, che significa “gradito” o “grato” ed indica un sentimento di apprezzamento. Possiamo distinguere una gratitudine in sé, connessa al fatto stesso di essere in vita, ed una gratitudine intesa come sentimento di gioia, soddisfazione o riconoscenza in risposta alla gentilezza mostrata da altri. I due tipi di gratitudine sono chiaramente tra loro compatibili e possono interagire tra loro.

L’assenza di gratitudine nei casi in cui questa è attesa secondo le consuetudini sociali, è chiamata ingratitudine.

Numerose religioni in tutto il mondo pongono la gratitudine come principio centrale. I filosofi, sin dai tempi antichi fino ad oggi, hanno dimostrato interesse verso questo tema.

In ambito psicologico, sono stati evidenziati vantaggi terapeutici nell’esprimere apprezzamento e gli psicologi hanno studiato sia la sensazione momentanea di apprezzamento (gratitudine di stato) che l’esperienza più duratura di gratitudine (gratitudine di tratto), nonché la loro reciproca relazione.

Effetti della gratitudine sul benessere

 Gli studi dimostrano che gli effetti positivi della gratitudine sull’umore e su altri aspetti del benessere comprendono un incremento della felicità in coloro che la praticano. La vita e le relazioni degli individui grati sono più soddisfacenti: essi sperimentano meno emozioni negative come depressione, tensione e insoddisfazione. La gratitudine può agire come fattore protettivo contro la depressione, migliorando la codifica e il recupero degli eventi felici. Le persone grate hanno maggiori probabilità di sentirsi padrone della propria vita, di progredire verso i propri obiettivi, di accettarsi così come sono e di sviluppare risposte sane alle sfide che devono affrontare. Sono più inclini a chiedere aiuto, a trarre vantaggio dalle esperienze, a svilupparsi personalmente e ad anticipare e prepararsi a potenziali soluzioni. Le persone grate sono meno inclini a ricorrere all’evitamento, alla negazione, all’autocolpevolizzazione o all’abuso di sostanze come meccanismi di coping.

Due studi di Wood e colleghi, pubblicati nel 2008 e 2009, hanno rilevato che la gratitudine può avere un legame specifico con la felicità e spiegare caratteristiche della felicità che non sono spiegate da altre qualità della personalità. In entrambi i casi, la gratitudine è risultata essere un predittore di felicità più significativo dei così detti Big Five (5 tratti della personalità secondo la teoria di McCrae e Costa: Estroversione, Gradevolezza, Coscienziosità, Stabilità emotiva, Apertura mentale) e di altre 30 qualità della personalità.

Gratitudine e abitudini salutari

Uno studio di Fritz e colleghi pubblicato nel 2019, ha rilevato che gli adolescenti che hanno espresso gratitudine agli altri tramite lettere scritte a mano, nel corso del mese successivo hanno manifestato abitudini alimentari più sane. È stato ipotizzato che le persone riconoscenti si soffermino maggiormente sul lato positivo delle cose e sulle opportunità che si prospettano. Le persone sono più propense a prendere decisioni che le avvantaggeranno nel lungo periodo, come ad esempio fare scelte alimentari più sane.

Le persone riconoscenti tendono a essere più sane anche in altri modi, tra cui una maggiore attività fisica, un sonno migliore, un minor numero di visite mediche e una dieta migliore. È stato, inoltre, dimostrato che mostrare riconoscenza può migliorare la salute del cuore.

Gratitudine ed educazione all’autoconsapevolezza

La gratitudine può essere un fattore cruciale nello sviluppo dell’autoconsapevolezza, sia come causa che come effetto. L’esperienza della gratitudine in sé, indipendente dalle condizioni, rappresenta, infatti, una espressione di elevata autoconsapevolezza. Come scrive Patrizio Paoletti:

Quindi la gratitudine nasce in noi quando noi ci rendiamo conto che questo attimo non è scontato. Non è scontato perché non ci è dovuto. La gratitudine diventa il fattore liberante della nostra vita, calmante e rigenerante per la nostra vita, quando ci rendiamo conto che nulla dobbiamo perché nulla ci è dovuto, ma che tutto possiamo perché la chance che questo attimo rappresenta ci apre a nuove opportunità, quelle di connettere meglio i saperi di questo istante fra loro, diventando così non reattivi, ma interattivi con il mondo che ora intorno a noi si è creato.

Ararat – Perdono Gratitudine Compassione, p. 31


Focus: Gratitudine come fattore protettivo in età evolutiva

Promuovere, educando tutti gli attori coinvolti nei processi di formazione di una comunità resiliente – educatori, giovani, famiglie, professionisti, volontari, etc. – un reale benessere vuol dire prendersi cura di tutti gli aspetti che costituiscono la qualità di vita: fisico, socio-relazionale e psicologico (Sansone & Sansone, 2010; Baumsteiger et al., 2019; Anand et al., 2021).

Nello specifico, in ottica di implementazione di interventi neuropsicopedagogici per l’educazione alla salute e alla resilienza, le più studiate variabili psicologiche che, trasversalmente, influiscono su tutti i tre piani sono: resilienza, autoefficacia nella gestione delle emozioni positive e negative, auto-compassione (nello specifico, senso di umanità comune, auto-gentilezza e bassi livelli di auto-giudizio e iper-identificazione), strategie di coping adattive (attitudine positiva e ricerca di supporto sociale, nello specifico), auto-determinazione e prosocialità (Paoletti et al., 2022; Paoletti et al., 2023; Perasso et al., 2023a; 2023b).

Sempre più indagato in letteratura, tra gli altri, un fattore protettivo specifico che sembra avere un ruolo di mediazione e moderazione di queste variabili, proponendosi come caratteristica alla base di uno sviluppo ottimale del Sé: la gratitudine (Card, 2019; Boggiss et al., 2020; García-Vázquez et al., 2020). Esiste, una definizione di gratitudine?

Possiamo definire la gratitudine come una delle risorse individuali positive che possono mitigare gli effetti degli stressor che dobbiamo affrontare quotidianamente (Duprey et al., 2020) e aumentare i nostri livelli di benessere (Wood et al., 2010; Sari & Santi, 2023). Questo fattore protettivo – che può essere insegnato, rispettando i normali processi evolutivi cerebrali del giovane in età evolutiva (soprattutto nelle fasi definitorie dello sviluppo della corteccia prefrontale e di consolidamento del pensiero operatorio formale) (Reckart et al., 2017; Tudge & Freitas, 2018) –, va oltre, ma include concetti come: perdono, capacità di comprendere l’altro empaticamente, abilità cognitive sociali, generosità e assenza di materialismo (Bosacki et al., 2018; Chaplin et al., 2019).

La gratitudine è un processo dinamico in due fasi, così riassumibili:

  1. in primo luogo, la persona capace di reale gratitudine riesce a riconoscere che si è ottenuto un risultato positivo e riesce ad utilizzare quanto raggiunto per favorire una costante crescita interiore e una progettualità futura solida;
  2. in secondo luogo, la persona capace di reale gratitudine riesce ad accettare e definire che c’è una causa esterna per questo risultato positivo e gliene riconosce il giusto merito, apprezzando la fonte di aiuto e se stesso (capace di aver accolto l’aiuto fornito) (Sansone & Sansone, 2010; Tudge et al., 2016; Rey et al., 2019).

Nell’ambito degli studi scientifici in età evolutiva, soprattutto preadolescenziale e adolescenziale, è stato evidenziato che gli adolescenti più grati sono più soddisfatti della loro vita, hanno capacità di fronteggiamento degli eventi stressanti e riferiscono relazioni interpersonali migliori (Froh et al., 2009; 2010; 2011; Sun et al., 2019; Scott et al., 2021), sviluppando comportamenti più prosociali (Zhang, 2022).

Inoltre, alcuni studiosi suggeriscono che la gratitudine influisce positivamente sulla salute mentale e l’adattamento psicologico, attenuando i comportamenti reattivi e favorendo i comportamenti proattivi. Studi ulteriori hanno dimostrato che la gratitudine è collegata a sintomi depressivi più lievi e a una riduzione dell’ideazione suicidaria e dei tentativi di suicidio (Zhou & Wu, 2016; Sun et al., 2019; Boggiss et al., 2020; Sari & Santi, 2023). Sempre in ottica di promozione della salute mentale in età evolutiva – specialmente in ambito scolastico e tra pari – altri studi suggeriscono che la gratitudine possa rilevarsi come un fattore protettivo rilevante per la prevenzione del rischio di suicidio nelle vittime di bullismo e cyberbullismo, soprattutto per le ragazze, e di promozione di comportamenti prosociali e proattivi (Tian et al., 2016; Rey et al., 2019; García-Vázquez et al., 2020).

La gratitudine, come fattore protettivo che deve essere implementato in preadolescenza e adolescenza e allenato e rafforzato in età adulta, può contribuire alla capacità di riconoscimento, accettazione e gestione delle emozioni positive degli individui, ampliando così il repertorio personale di pensieri-azioni nel qui e ora che annullano gli effetti delle emozioni negative dopo un’esperienza sfidante e le risorse personali durature che le persone usano per regolare le loro esperienze con le emotive negative (Froh et al., 2010; Scott et al., 2021).

In definitiva, il lavoro educativo di promozione della capacità di essere grati può essere positivo per i suoi effetti sull’umore e costituire un modo per rafforzare la salute mentale (You et al., 2018; 2019). Numerose ricerche, infatti, hanno evidenziato l’efficacia di interventi di prevenzione mirati (Anand et al., 2021). Sia secondo gli studi scientifici più recenti sia dalla voce dei giovani stessi emerge che la famiglia, la scuola, gli amici e, in particolare, tessere e mantenere relazioni positive e di fiducia caratterizzate da gratitudine (Rey et al., 2019) a casa, a scuola e negli ambienti che vivono (reali e virtuali) costituiscono dei punti di riferimento sicuri a cui far riferimento in situazioni sfidanti e stressanti.

 

Bibliografia
  • Adler, M. G.; Fagley, N. S. (2005). “Appreciation: Individual differences in finding value and meaning as a unique predictor of subjective well-being”. Journal of Personality. 73 (1): 79–114. doi:1111/j.1467-6494.2004.00305.x.
  • Anand, P., Bakhshi, A., Gupta, R., & Bali, M. (2021). Gratitude and quality of life among adolescents: The mediating role of mindfulness. Trends in Psychology, 29(4), 706-718.
  • Baumsteiger, R., Mangan, S., Bronk, K. C., & Bono, G. (2019). An integrative intervention for cultivating gratitude among adolescents and young adults. The Journal of Positive Psychology, 14(6), 807-819.
  • Boggiss, A. L., Consedine, N. S., Brenton-Peters, J. M., Hofman, P. L., & Serlachius, A. S. (2020). A systematic review of gratitude interventions: Effects on physical health and health behaviors. Journal of Psychosomatic Research, 135, 110165.
  • Bosacki, S., Sitnik, V., Dutcher, K., & Talwar, V. (2018). Gratitude, social cognition, and well-being in emerging adolescents. The Journal of Genetic Psychology, 179(5), 256-269.
  • Card, N. A. (2019). Meta-analyses of the reliabilities of four measures of gratitude. The Journal of Positive Psychology, 14(5), 576-586.
  • Chaplin, L. N., John, D. R., Rindfleisch, A., & Froh, J. J. (2019). The impact of gratitude on adolescent materialism and generosity. The Journal of Positive Psychology, 14(4), 502-511.
  • Duprey, E. B., McKee, L. G., O’Neal, C. W., Algoe, S. B., & Campos, B. (2020). Stressors, resources, and mental health among Latino adolescents: The role of gratitude. Journal of Applied Developmental Psychology, 70, 101191.
  • Ekman, P. Are there basic emotions? Psychol. Rev., 99 (1992), pp. 550-553
  • Fritz, Megan M.; Armenta, Christina N.; Walsh, Lisa C.; Lyubomirsky, Sonja (March 2019). “Gratitude facilitates healthy eating behavior in adolescents and young adults”. Journal of Experimental Social Psychology. 81: 4–14. doi:10.1016/j.jesp.2018.08.011
  • Froh, J. J., Bono, G., & Emmons, R. (2010). Being grateful is beyond good manners: Gratitude and motivation to contribute to society among early adolescents. Motivation and Emotion, 34, 144-157.
  • Froh, J. J., Fan, J., Emmons, R. A., Bono, G., Huebner, E. S., & Watkins, P. (2011). Measuring gratitude in youth: assessing the psychometric properties of adult gratitude scales in children and adolescents. Psychological assessment, 23(2), 311.
  • Froh, J. J., Yurkewicz, C., & Kashdan, T. B. (2009). Gratitude and subjective well-being in early adolescence: Examining gender differences. Journal of adolescence, 32(3), 633-650.
  • García-Vázquez, F. I., Valdés-Cuervo, A. A., & Parra-Pérez, L. G. (2020). The effects of forgiveness, gratitude, and self-control on reactive and proactive aggression in bullying. International journal of environmental research and public health, 17(16), 5760.
  • Kidd, C., & Hayden, B. Y. (2015). The psychology and neuroscience of curiosity. Neuron88(3), 449-460.
  • Kret, M. E., Prochazkova, E., Sterck, E. H., & Clay, Z. (2020). Emotional expressions in human and non-human great apes. Neuroscience & Biobehavioral Reviews115, 378-395.
  • Merçon-Vargas, E. A., Poelker, K. E., & Tudge, J. R. (2018). The development of the virtue of gratitude: Theoretical foundations and cross-cultural issues. Cross-Cultural Research, 52(1), 3-18.
  • Paoletti, P. (2012). Ararat – Perdono Gratitudine Compassione. Medidiscipline Lda.
  • Paoletti, P. (2019). L’intelligenza del cuore. BUR.
  • Paoletti, P., Di Giuseppe, T., Lillo, C., Ben-Soussan, T. D., Bozkurt, A., Tabibnia, G., … & Perasso, G. F. (2022). What can we learn from the COVID-19 pandemic? Resilience for the future and neuropsychopedagogical insights. Frontiers in Psychology, 13, 993991.
  • Paoletti, P., Di Giuseppe, T., Lillo, C., Serantoni, G., Perasso, G., Maculan, A., & Vianello, F. (2023). Training spherical resilience in educators of the juvenile justice system during pandemic. World Futures, 79(4), 507-524.
  • Perasso, G., Serantoni, G., Lillo, C., Maculan, A., Vianello, F., & Di Giuseppe, T. (2023a). Teaching with What you Are: The Importance of Teachers’ Positive Resources and of the Neuropsychopedagogical Training Envisioning the Future on Adolescents’ Well-Being. A Correlational and Analysis of Variance Study. Human Development, Annual Volume 2023, online first.
  • Perasso, G., Serantoni, G., Lillo, C., Paoletti, P., & Di Giuseppe, T. (2023b). Emotions, social support and positive resources during Covid-19 pandemic: a qualitative-quantitative study among Italian adolescents. [Emozioni, supporto sociale e risorse positive durante la pandemia di Covid-19: Un sondaggio quali-quantitativo sugli adolescenti italiani]. Ricerche di psicologia, in press.
  • R., J.S., Cregg, Cheavens (2020). “Gratitude Interventions: Effective Self-help? A Meta-analysis of the Impact on Symptoms of Depression and Anxiety”. Journal of Happiness Studies. 22: 413–445. doi:10.1007/s10902-020-00236-6
  • Reckart, H., Huebner, E. S., Hills, K. J., & Valois, R. F. (2017). A preliminary study of the origins of early adolescents’ gratitude differences. Personality and Individual Differences, 116, 44-50.
  • Rey, L., Quintana-Orts, C., Mérida-López, S., & Extremera, N. (2019). Being bullied at school: Gratitude as potential protective factor for suicide risk in adolescents. Frontiers in psychology, 10, 662.
  • Sansone, R. A., & Sansone, L. A. (2010). Gratitude and well being: the benefits of appreciation. Psychiatry (edgmont), 7(11), 18.
  • Sari, D. K., & Santi, D. E. (2023). The Relationship Between Gratitude and Psychological Wellbeing in Adolescents. International Journal of Social and Management Studies, 4(3), 55-61.
  • Scott, V., Verhees, M., De Raedt, R., Bijttebier, P., Vasey, M. W., Van de Walle, M., … & Bosmans, G. (2021). Gratitude: a resilience factor for more securely attached children. Journal of Child and Family Studies, 30, 416-430.
  • Sheldon, Kashdan, Steger (31 January 2011). Designing Positive Psychology: Taking Stock and Moving Forward. p. 249. ISBN978-0-19-045187-5.
  • Sun, P., & Kong, F. (2013). Affective mediators of the influence of gratitude on life satisfaction in late adolescence. Social indicators research, 114, 1361-1369.
  • Sun, P., Sun, Y., Jiang, H., Jia, R., & Li, Z. (2019). Gratitude and problem behaviors in adolescents: The mediating roles of positive and negative coping styles. Frontiers in psychology, 10, 1547.
  • Tian, L., Pi, L., Huebner, E. S., & Du, M. (2016). Gratitude and adolescents’ subjective well-being in school: The multiple mediating roles of basic psychological needs satisfaction at school. Frontiers in Psychology, 7, 1409.
  • Tudge, J. R., & Freitas, L. B. (2018). Developing gratitude: An introduction. Developing gratitude in children and adolescents, 1-22.
  • Tudge, J. R., Freitas, L. B., & O’Brien, L. T. (2016). The virtue of gratitude: A developmental and cultural approach. Human development, 58(4-5), 281-300.
  • Watkins, P. C.; Woodward, K.; Stone, T.; Kolts, R. L. (2003). “Gratitude and happiness: Development of a measure of gratitude, and relationships with subjective well-being”. Social Behavior and Personality. 31 (5): 431–451. doi:2224/sbp.2003.31.5.431.
  • Wood, A. M., Froh, J. J., & Geraghty, A. W. (2010). Gratitude and well-being: A review and theoretical integration. Clinical psychology review, 30(7), 890-905.
  • Wood, A. M., Joseph, S., & Maltby, J. (2009). Gratitude predicts psychological well-being above the Big Five facets. Personality and Individual differences46(4), 443-447.
  • Wood, A. M., Linley, P. A., Maltby, J., Baliousis, M., & Joseph, S. (2008). The authentic personality: A theoretical and empirical conceptualization and the development of the Authenticity Scale. Journal of counseling psychology55(3), 385.
  • You, S., Lee, J., & Lee, Y. (2020). Relationships between gratitude, social support, and prosocial and problem behaviors. Current Psychology, 1-8.
  • You, S., Lee, J., Lee, Y., & Kim, E. (2018). Gratitude and life satisfaction in early adolescence: The mediating role of social support and emotional difficulties. Personality and Individual Differences, 130, 122-128.
  • Zhang, D. (2022). The relationship between gratitude and adolescents’ prosocial behavior: A moderated mediation model. Frontiers in Psychology, 13, 1024312.
  • Zhou, X., & Wu, X. (2016). Understanding the roles of gratitude and social support in posttraumatic growth among adolescents after Ya’an earthquake: A longitudinal study. Personality and Individual Differences, 101, 4-8

Iscriviti alla newsletter

NEWSLETTER GEN

Modulo per l'iscrizione alla newsletter FPP

Nome(Obbligatorio)
Email(Obbligatorio)
Privacy Policy(Obbligatorio)
Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.