E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Tazza: "Per trovare la felicità..." (PRODOTTO ESAURITO)

    Tazza: "Per trovare la felicità..." (PRODOTTO ESAURITO)
    Prezzo: 8,00 €

    (PRODOTTO MOMENTANEAMENTE ESAURITO) Tazza da collezione 21Minuti - I saperi dell'eccellenza A......

    approfondisci
  • T-SHIRT L'AMORE SI IMPARA UOMO VIOLA (PRODOTTO ESAURITO)

    T-SHIRT L'AMORE SI IMPARA UOMO VIOLA (PRODOTTO ESAURITO)
    Prezzo: 20,00 €

    PRODOTTO TEMPORANEAMENTE ESAURITO “Non esistono formule né metodi: solo amando......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / Educazione e istruzione = sviluppo economico. Education can!

News

Bookmark and Share
Educazione e istruzione = sviluppo economico. Education can!
Educazione e istruzione = sviluppo economico. Education can!

“Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela ciascuno. Ma se tu hai un'idea, ed io ho un'idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee”.

Con questa celebre intuizione, lo scrittore irlandese George Bernard Shaw sottolineava, con un certo grado di genialità, come l’economia sia indissolubilmente correlata alle conoscenze, alle idee e ai valori dei singoli individui. Lo scambio di cui parla Shaw, è infatti lo scambio economico fondato sul capitale umano, quell’insieme di facoltà e risorse umane acquisite durante la vita dalla persona che danno luogo alla capacità dell’uomo di trasformare l’ambiente in cui vive per raggiungere il un maggior grado di benessere, del singolo come della collettività.

L’economia, prima che lo sfruttamento delle risorse e dei capitali tangibili, è economia della conoscenza. E come possono crescere le conoscenze se non attraverso l’educazione e l’istruzione?


Lo ha ben compreso il Consiglio Europeo quando, all’inizio di questo terzo millennio, ha indicato con il Trattato di Lisbona come determinante il ruolo svolto dall’istruzione e dall’educazione continua nel processo di crescita della competitività dell'Europa nel mondo, oltre che in quello di rafforzamento della coesione sociale e del benessere individuale dei cittadini.

Come indicato dal Ministero dello Sviluppo Economico italiano, gli effetti socio-economici generati in un Paese da maggiori investimenti in educazione e istruzione possono essere condensati in tre tipologie:

- effetti immediati sui rendimenti privati individuali, ed in particolare sulle prospettive occupazionali e di reddito, e sulle occasioni ulteriori di accumulazione di conoscenza e capacità (life-long learning); 

- esternalità sui rendimenti sociali, la produttività e su altre componenti dello sviluppo, come quelli sulla crescita complessiva, ma anche quelli sulla salute, sulla riduzione della criminalità e sulla partecipazione attiva dei cittadini alla vita sociale e ai processi di sviluppo: tutte componenti che influenzano in senso ampio lo sviluppo e il benessere della collettività; 

- effetti innovativi e di rottura: l’istruzione incoraggia l’imprenditorialità, la creatività e la predisposizione all’innovazione e al cambiamento. Può interrompere una catena ereditaria di insuccesso tramandata da genitori ai figli.

E’ attraverso l’educazione che un Paese integra la sua organizzazione economica e i suoi principi etici. Un maggior livello di istruzione incoraggia la libera iniziativa, la cooperazione e lo scambio, senza perdere di vista valori come la fiducia, l’equità, la tolleranza e la nonviolenza. E’ ampiamento dimostrato, inoltre, che laddove aumentano le scuole e gli insegnanti, diminuiscono la povertà e le guerre.

Ecco perché, guardando ai 57 milioni di bambini che nel mondo ancora oggi non possono accedere neanche alla scuola primaria, a quel 64% di bambini e a quel 70% di bambine che nei Paesi in via di sviluppo non riescono a frequentare la scuola secondaria, ai 30 milioni di bambine in età scolare ancora analfabete, oggi è così importante ribadire ciò che affermava Benjamin Franklin già 3 secoli fa: “Il rendimento dell’investimento in conoscenza è superiore ad ogni altro investimento. È la radice del progresso umano e sociale, la condizione per lo sviluppo economico”.

Attraverso una serie di contenuti, news ed approfondimenti sul sito e sulle pagine social della Fondazione Paoletti, porteremo la testimonianza di oltre 14 anni di progetti in campo educativo e sociale della nostra organizzazione, in particolar modo quelli realizzati nei Paesi in via di sviluppo attraverso il programma Scuole nel Mondo.

L’obiettivo è quello di fornire spunti esperienziali concreti, capaci di dimostrare come l’educazione può effettivamente generare, in brevissimo tempo, il cambiamento che i bambini oggi silenziosamente ci chiedono per il loro futuro. #EDUCATIONCAN


BIBLIOGRAFIA

-Becker G. S.(1964), Human Capital, Columbia University Press, 1993 e Gori E. (2004)
- S.Vittadini, L'investimento in Capitale Umano attraverso l'Istruzione, 2004
- Conclusioni della presidenza del Consiglio Europeo di Lisbona, 23/24 marzo 2000
- Ministero dello Sviluppo Economico, Sintesi del seminario “Conoscenza per lo sviluppo: il ruolo della scuola e dei processi di apprendimento nelle politiche di sviluppo e coesione”, Roma, 7 Luglio 2005
- Unicef, "La Condizione dell'infanzia nel mondo - Ogni bambino conta", 2014