E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Tazza: "Non siamo immutabili..." (PRODOTTO ESAURITO)

    Tazza: "Non siamo immutabili..." (PRODOTTO ESAURITO)
    Prezzo: 8,00 €

    (PRODOTTO MOMENTANEAMENTE ESAURITO) Tazza da collezione 21Minuti - I saperi dell'eccellenza......

    approfondisci
  • Shopper Vivi Appassionatamente natural

    Shopper Vivi Appassionatamente natural
    Prezzo: 10,00 €

    Rinnova il tuo stile, porta con te ciò che hai più a cuore! Sono eleganti, leggere e......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / Speranza in tempo di crisi: prospettive nazionali e...

News

Bookmark and Share
Speranza in tempo di crisi: prospettive nazionali e cross-culturali
Speranza in tempo di crisi: prospettive nazionali e cross-culturali

Padova, venerdì 21 giugno - Università degli Studi.
Conferenza internazionale ‘Life Design and Career Consueling: Building Hope and Resilience’, presentati due studi su resilienza e ottimismo coordinati da Patrizio Paoletti:

- “I giovani tra speranza, fiducia e progettualità”;
“La speranza e l’ottimismo nell’ambito della relazione d’aiuto: un’analisi cross-culturale”, studio pilota cross-culturale.

Il convegno di Padova, aperto dal Rettore Giuseppe Zaccaria e condotto dal prof. Salvatore Soresi, ha ospitato numerosi studiosi di rilievo internazionale come: Jean-Pierre Dauwalder, Presidente “European Society for Vocational Designing and Career Counseling”; Mark Savickas, Presidente “Counseling Division, International Association of Applied Psychology”; Giorgio Sangiorgi, Presidente “Italian Society for Vocational Guidance”; Laura Nota, Direttore dei Laboratori Larios.

Il primo studio: "I giovani tra speranza, fiducia e progettualità" Un momento di grande trasformazione come quello che stiamo vivendo, richiede una profonda riflessione su quali pratiche pedagogiche ed educative siano in grado di aiutare le nuove generazioni ad affrontare con determinazione il futuro e spingere i giovani alla cittadinanza attiva. Da qui nasce l’idea dell’indagine statistica, condotta dalla Fondazione Paoletti in occasione della campagna di sensibilizzazione Carovana del Cuore, tra luglio e novembre 2012. Il sondaggio d’opinione ha indagato un tema fondamentale della riflessione antropologica, sociale e pedagogica di questo terzo millennio: speranze, valori guida e progettualità per i giovani ed il loro sguardo sul futuro. Sono stati intervistati circa 1000 giovani tra i 18 e i 34 anni, che hanno risposto a domande come “Come vive l’attuale momento di cambiamento?”, “Quali valori sono importanti per affrontare il futuro?”. I risultati saranno pubblicati su Orientamenti pedagogici (volume 63, n. 3, 2013. Ed Erickson, in corso di stampa), rivista internazionale di scienze dell’educazione fondata nel 1954 ed edita da Erickson, che si è imposta nell’ambiente scientifico per la cura con cui registra e promuove lo sviluppo della ricerca psicopedagogica, sostenendo la sperimentazione e alimentando costantemente il dialogo con l’educatore e il professionista impegnati sul campo.

Il secondo studio: "La speranza e l’ottimismo nell’ambito della relazione d’aiuto: un’analisi cross-culturale": La Fondazione Paoletti, nell’ambito di uno studio pilota sviluppato in collaborazione con il Larios (Laboratorio per l’orientamento alle scelte dell’Università di Padova), ha raccolto e analizzato le autovalutazioni di operatori, educatori ed insegnanti impegnati in azioni educative e di supporto sociale (programma Scuole nel Mondoin diversi Paesi (Italia, Congo, India e Perù), al fine di rispondere a 3 interrogativi: Gli educatori, gli operatori e gli insegnanti che sono impegnati in attività educative in contesti svantaggiati da un punto di vista economico e sociosanitario, in confronto a coloro che svolgono analoghe attività in Italia, presentano livelli più o meno elevati di speranza, ottimismo e resilienza? Esistono differenze cross-culturali a carico della rappresentazione del lavoro che questi operatori posseggono? I livelli di speranza e resilienza fanno registrare differenze significative a proposito della qualità della vita sperimentata e dei livelli di soddisfazione professionale? Rispondendo a queste domande, l’indagine si è posta come obiettivo a lungo termine quello di comprendere in che modo programmi di formazione continua per i professionisti che operano in situazioni di forte povertà e di conflitto sociale, possano contribuire all’innesto di buone pratiche per lo sviluppo di comportamenti resilienti, in riferimento al modello pedagogico Pedagogia per il Terzo Millennio. Obiettivo ultimo è incrementare l'impatto positivo dei processi formativi e contribuire alla diminuzione dei tassi d’analfabetismo, dando una forte spinta allo sviluppo sociale dei territori interessati.

Sono intervenuti per Fondazione Paoletti:

  • Marco Benini, pedagogista e responsabile programma Scuole nel Mondo;
  • Elena Perolfi, responsabile programmi formativi;
  • Tania di Giuseppe, psicologa e responsabile della ricerca