E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Biglietto "Mille cuori"

    Biglietto "Mille cuori"
    Prezzo: 2,00 €

    A San Valentino, diglielo con i regali del cuore! Rendi il tuo messaggio d'amore ancora più......

    approfondisci
  • T-Shirt Giracuori arancione per bambino

    T-Shirt Giracuori arancione per bambino
    Prezzo: 15,00 €

    Sono coloratissime, allegre e le abbiamo realizzate con tutta la nostra passione e il nostro amore......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / Italia, solo testi scolastici digitali dal 2014. Come...

News

Bookmark and Share
Italia, solo testi scolastici digitali dal 2014. Come raccogliere la sfida della scuola 2.0?
Italia, solo testi scolastici digitali dal 2014. Come raccogliere la sfida della scuola 2.0?

L’Italia compie un passo importante verso la scuola 2.0. Il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo ha firmato il decreto sulle adozioni dei libri di testo digitali nella scuola: dal 2014 nelle aule delle primarie e delle medie italiane entreranno solo testi in formato digitale o misto.

E’ una ventata di rinnovamento della didattica che la scuola italiana attendeva da tempo, ma una riflessione è d’obbligo. Se infatti scompaiono gli zaini che pesano sulle spalle dei nostri ragazzi, non può certo dissolversi la dimensione “analogica” dell’apprendimento.

La versione digitale dei manuali scolastici aggiunge già oggi contenuti multimediali e software per l’interazione e la condivisione, ma un aumento della quantità e delle modalità di fruizione dei contenuti di per sé non può essere considerato innovazione.

Una didattica realmente innovativa non può prescindere dall’impiego combinato di laboratori che privilegino la dimensione manuale dell’apprendimento e dall’adeguata formazione degli insegnanti, che devono essere altrettanto preparati al cambiamento.

Se è un dato di fatto che la scuola italiana ha intrapreso un percorso di rinnovamento necessario, è altrettanto importante raccogliere la sfida digitale senza perdere di vista la dimensione naturale, analogica dell’apprendimento.