E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Le magliette del sorriso - Donna

    Le magliette del sorriso - Donna
    Prezzo: 15,00 €

    Il sorriso è un obbligo sociale! Ci rende più sereni, allunga la vita, fa bene al......

    approfondisci
  • Frisbee tascabile

    Frisbee tascabile
    Prezzo: 7,00 €

    Colora la tua estate di arancione! L’esclusivo frisbee tascabile, ideale per i tuoi......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / Missione India: 3 seminari per arginare analfabetismo e...

News

Bookmark and Share
Missione India: 3 seminari per arginare analfabetismo e diseguaglianze sociali
Missione India: 3 seminari per arginare analfabetismo e diseguaglianze sociali

CALCUTTA, mercoledì 23 gennaio - Prosegue la missione di Fondazione Patrizio Paoletti in India, con tre seminari per la formazione di oltre 100 educatori nell’area urbana di Calcutta e in quella rurale di Dhupguri. L’intervento formativo, che si inserisce nel programma di scolarizzazione e assistenza sanitaria Scuole nel Mondo, mira a fornire un contributo concreto per contrastare l’analfabetismo e le diseguaglianze sociali nel Paese.

Definita dal presidente americano Obama come una “potenza economica a pieno titolo”, e non emergente, l’India rappresenta oggi uno dei Paesi più popolosi (1.205.073.612 di abitanti stimati a luglio 2011), moderni e a rapida crescita (con un tasso del 7% annuo) nello scacchiere economico mondiale. Le riforme neoliberiste degli anni Novanta hanno portato il Paese tra i big mondiali della competizione sui mercati, facendo schizzare il suo Pil a 2.004,2 miliardi di dollari nel 2012.
Ma ciò che è vero per gli aspetti economici, non segue sul piano del benessere sociale. Le diseguaglianze e il divario tra Pil aggregato e Pil pro capite tengono ancora lontana l'India dagli standard di vita occidentali.

Povertà, denutrizione, analfabetismo interessano ancora buona parte della popolazione, in particolar modo i bambini. L'India ha uno dei tassi di mortalità infantile più alti al mondo: 1,73 milioni di bambini (1 ogni 20 secondi) muoiono ogni anno prima del quinto compleanno a causa di malattie facilmente curabili, come dissenteria e polmonite. Le disuguaglianze sociali e geografiche fanno sì che nelle aree rurali la mortalità infantile raggiunga tassi altissimi.

Il diritto all’educazione non è garantito, soprattutto nelle aree lontane dai centri urbani. Ad oggi, oltre 35 milioni di bambini tra i 6 e i 14 anni non hanno accesso all’istruzione primaria. Il 25,4% dei bambini abbandona prematuramente la scuola primaria, il 46% degli studenti la scuola media. I motivi principali dell’abbandono scolastico sono il bisogno di integrare il reddito familiare attraverso un impiego, o un lavoro domestico, e le spese troppo elevate per la scolarizzazione.

Gli insegnanti, dal canto loro, sono poco preparati ad affrontare queste problematiche e non in grado di fornire un’educazione di qualità. Si è stimato che nel 2005 in India ci fossero più di 240.000 insegnanti non qualificati.

Se povertà, salute e carenza di formazione pedagogica sono la principale causa di mancato accesso all’istruzione per tanti bambini indiani, proprio su queste problematiche è fondamentale intervenire. Dal 2005 Fondazione Patrizio Paoletti lo fa tramite il programma di scolarizzazione, assistenza sanitaria e formazione pedagogica nell’area rurale di Dhupguri e a Calcutta, nella regione del Bengala Occidentale.

In questi giorni la dott.ssa Patrizia Pezzullo, docente di Pedagogia per il Terzo Millennio, sta tenendo 3 seminari pedagogici con l’obiettivo di fornire nuovi orientamenti, strumenti e risorse a oltre 100 educatori, dirigenti scolastici ed operatori del territorio, potenziando la qualità del suo sistema educativo. Coinvolte nei seminari le scuole e ong locali “Carmelitan Fathers”, “Development Society Calcutta”, “Palli Unnayan Samiti Baruipur” e “Nishtha”.

Arginare l’analfabetismo e dare impulso all’educazione rappresentano oggi traguardi importanti per l’India: agganciare al suo sviluppo economico uno sviluppo umano fondato sulla qualità del sistema educativo è l’obbiettivo che il mondo chiede di raggiungere a questo paese oggi. Insieme a tutti i suoi sostenitori, Fondazione Patrizio Paoletti è lieta di poter offrire un contributo significativo in questa direzione.
 

Scuole nel Mondo   |   Pedagogia per il Terzo Millennio   |   Sostieni il progetto in India