E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Uova di Pasqua al latte

    Uova di Pasqua al latte
    Prezzo: 15,00 €

    È Pasqua, regala un sorriso! Acquista le uova di Pasqua della Fondazione Patrizio Paoletti......

    approfondisci
  • Mediazione

    Mediazione
    Prezzo: 18,00 €

    Disponibile nelle seguenti lingue: italiano, inglese, spagnolo, francese, portoghese Collana:......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / International Child Welfare Forum, segui la diretta dei...

News

Bookmark and Share
International Child Welfare Forum, segui la diretta dei lavori

Patrizio Paoletti, presidente dell'omonima fondazione e membro del comitato scientifico del Forum, apre oggi alle 17:00 i lavori dell'International Forum for Child Welfare. Paoletti, insieme a  prestigiosi ospiti nazionali ed internazionali, da il via alla tre giorni di sessioni plenarie, workshop e dibattiti orientati al conseguimento di unico obiettivo: dare risposte concrete sul tema dei diritti dell’infanzia per costruire un mondo a misura di bambino. I professori delle più importanti università del mondo, le organizzazioni non governative, i tecnici e gli esperti delle Nazioni Unite  sono riuniti e si confrontano sui diritti dei bambini.

Segui la diretta in Streaming

Se non riesci a visualizzare la diretta  clicca qui.

Si stima che i bambini e i ragazzi che hanno lasciato il proprio paese siano oltre 33 milioni in tutto il mondo e degli oltre 42 milioni di profughi registrati nel 2010, più di 38 milioni sono stati costretti ad emigrare a causa dei disastri ambientali dovuti ai cambiamenti climatici.

Un numero di persone alla ricerca della sopravvivenza verso una migliore condizione di vita che oggi supera i 210 milioni e che è destinato a crescere. Con questo ritmo, nel 2050 gli emigranti supereranno i 405 milioni (IOM, 2010).

Questi sono i numeri con cui si apre il World Forum 2012.

L’evento - che torna in Italia dopo ventuno anni - è sostenuto dalla Regione Campania, attraverso l’Assessorato all’Assistenza sociale, è Sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica italiana e avrà come tema “La famiglia, l'infanzia e l'educazione al centro delle nuove sfide dello sviluppo sociale: scenari globali, migrazione e cittadinanza attiva”.
 

Ospiti illustri da tutto il mondo
Il World Forum annovera tra i suoi ospiti esponenti delle istituzioni, tra cui il Presidente della Regione Campania Stefano Caldoro, il Sottosegretario di Stato per il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca Marco Rossi-Doria. Previsti inoltre i video interventi del Senatore Al Gore, ex Vice presidente degli Stati Uniti d’America, con un contributo rivolto particolarmente alle nuove generazioni, e di Giulio Terzi, Ministro degli Affari Esteri, oltre che del Commissario Europeo per gli Affari Sociali e l’Inclusione László Andor.

Parteciperà Unicef, attraverso la rappresentante del Direttore Esecutivo Anthony Lake, Susan Bissell e le principali istituzioni europee e internazionali impegnate nel campo della migrazione: il Consiglio d’Europa, l’OCSE, l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, l’UNHCR, il Comitato Onu sui diritti dell’infanzia e grandi istituti di ricerca come l’Università di Harvard, insieme a tante associazioni e reti che operano quotidianamente nel mondo a vantaggio di bambini, ragazzi e famiglie nella migrazione