E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • T-shirt l'Amore si Impara Donna Viola

    T-shirt l'Amore si Impara Donna Viola
    Prezzo: 20,00 €

    “Non esistono formule né metodi: solo amando impariamo ad amare” (A.......

    approfondisci
  • Normalizzazione

    Normalizzazione
    Prezzo: 18,00 €

    Disponibile nelle seguenti lingue: italiano, inglese, spagnolo, francese, portoghese Collana:......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / 7 su 10 poveri e malnutriti: con 1 euro al giorno puoi...

News

Bookmark and Share
7 su 10 poveri e malnutriti: con 1 euro al giorno puoi salvare un bimbo in Congo
7 su 10 poveri e malnutriti: con 1 euro al giorno puoi salvare un bimbo in Congo

Dal 1998 ad oggi, nella Repubblica Democratica del Congo sono morte almeno 4 milioni di persone a causa di guerre e guerriglie. L’8% dei bambini muore prima di compiere l‘anno d’età e il 28% dei minori di 5 anni è denutrito.

Questo grande Paese dell’Africa centrale è oggi uno dei luoghi più difficili in cui un bambino possa nascere, vivere e crescere in serenità. Estrema povertà, degrado sociale, indigenza infantile e violenza sono ferite aperte di questa terra. Solo nella capitale Kinshasa, dove in media una famiglia di 8 persone è costretta a vivere con soli 25 dollari al mese, vivono oltre 30.000 “Sheguè” (bambini di strada) e in tutto il Congo ce ne sono più di 70.000. Molti di essi vengono assoldati da gruppi militari locali fuori controllo, sono costretti ad uccidere e a compiere atrocità inenarrabili; le bambine diventano baby-prostitute al servizio di queste truppe irregolari.

Anche fenomeni come la stregoneria, frutto di una cultura popolare primitiva, espone l’infanzia ad gravi rischi e da vita ad episodi agghiaccianti. Migliaia di bambini e bambine vengono accusati da vicini di casa e persino dagli stessi genitori di essere posseduti da spiriti maligni e per questo picchiati, cacciati di casa, sottoposti a riti violenti, seviziati o uccisi brutalmente.

Alla ricerca di una via democratica che possa favorire stabilità e sviluppo sociale, a dicembre 2011 il Congo ha affrontato le elezioni presidenziali in un clima di forte tensione, una miscela esplosiva di politiche autoritarie, azioni di gruppi militari fuori controllo, repressioni e violenze che continua a minare il rispetto dei diritti dell’infanzia in tutto il paese e soprattutto nella popolosissima Kinshasa.

Qui Fondazione Patrizio Paoletti e Associazione Paoletti Onlus, grazie alla sensibilità dei loro sostenitori, stanno facendo molto per restituire un futuro alle nuove generazioni. Attraverso il programma “Scuole nel Mondo”, sono impegnate nella riqualificazione della scuola del quartiere Mont Ngafula. Ad oggi l’istituto “Groupe Scolaire Thiseleka” riesce ad ospitare 600 bambini e bambine (+2’’% rispetto al 2008, anno di inizio del progetto), garantendo loro anche un pasto caldo al giorno ed una costante assistenza medica.

L’educazione è lo strumento più efficace per cambiare il destino di un Paese come il Congo, e non solo. Il programma “Scuole nel Mondo” è attivo in ben 4 continenti con progetti di assistenza alimentare, sanitaria, scolarizzazione e formazione per gli insegnanti.

I diritti dell’infanzia in Congo devono essere finalmente protetti. Basterebbe un euro al giorno per salvare un bambino dalla strada, basterebbe un euro per mandarlo a scuola, per curarlo con continuità, per garantirgli un pasto al giorno e per aprire nuove prospettive sul futuro anche alla sua famiglia, alla comunità e all’intero paese.

Sostieni il progetto   |   Scuole nel Mondo   |   Paesi in via di sviluppo