E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • T-Shirt Vivi Appassionatamente Donna (PRODOTTO ESAURITO)

    T-Shirt Vivi Appassionatamente Donna (PRODOTTO ESAURITO)
    Prezzo: 20,00 €

    PRODOTTO TEMPORANEAMENTE ESAURITO Vivi Appassionatamente, dillo a tutti! Acquistando la......

    approfondisci
  • Pergamene per battesimi e matrimoni

    Pergamene per battesimi e matrimoni
    Prezzo: 3,50 €

    Per attribuire un valore ancora più profondo ai momenti più veri e importanti della......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / 5 proposte per una nuova Europa: 4. L'imprenditoria sociale

News

Bookmark and Share
5 proposte per una nuova Europa: 4. L'imprenditoria sociale
5 proposte per una nuova Europa: 4. L'imprenditoria sociale

- Siamo tutti strettamente interconnessi, interdipendenti e niente è possibile realizzare se non insieme agli altri uomini.” - Patrizio Paoletti

Abbiamo già approfondito tre delle 5 proposte che Patrizio Paoletti, con il suo nuovo testo “21 minuti - I Saperi dell’Eccellenza”, lancia per un’Europa che sia capace di dare risposta alle nuove sfide del millennio. Come abbiamo visto, un’educazione di qualità che passi per una ricerca neuro-psico-pedagogica è il primo passaggio identificato da Paoletti. Il secondo è una nuova chimica, più attenta ad uno sviluppo socio-economico che rimetta al centro l’uomo nella sua relazione con il tempo e con lo spazio. Il terzo è un’integrazione tra urbanistica e nuove tecnologie. Il quarto punto individuato da Paoletti, che qui approfondiamo, è l’imprenditoria sociale.

“Siamo chiamati, oggi più che mai, a sviluppare una coscienza di specie, una coscienza planetaria che non ci renda ciechi di fronte alla nostra comunità di destino, facendoci credere che sarà possibile avvantaggiarci mentre altri sono nella difficoltà.” (pag. 205)

La condivisione di saperi, secondo Paoletti, è il mezzo attraverso cui possiamo affrancarci da un vivere egoistico e comprendere la nostra appartenenza ad un progetto di sviluppo chiamato Europa.

L’edizione 2011 della conference “21 minuti” ha visto la partecipazione di Selene Biffi, imprenditrice sociale di soli 22 anni che è riuscita a creare, attraverso le potenzialità del web, il progetto YAC (Youth Action for Change), una realtà che mette in rete i giovani di tutto il mondo per condividere saperi ed esperienze nell'ottica di uno sviluppo socio-economico dei territori.

La sua esperienza è l’espressione piena della capacità di risposta che il nuovo millennio richiede, soprattutto ai giovani: un percorso virtuoso di imprenditoria sociale che parta dalle idee e, sfruttando i potenti mezzi tecnologici del nostro tempo, arrivi ad una condivisione di saperi su cui innestare nuovo sviluppo.

La stessa Fondazione Patrizio Paoletti lavora da anni sulla condivisione del sapere attraverso una piattaforma e-learning, che fornisce aggiornamenti didattici selezionati e di alta qualità a centinaia di docenti sparsi tra i quattro continenti in cui l’Ente di Ricerca opera.

“Ciò che accomuna tutte le vicende di coloro che hanno compiuto come singoli azioni determinanti per i molti, è aver percepito una profonda comunanza con tutti gli altri esseri umani come un’unica famiglia e specie. La sfida per la nostra umanità è confrontarsi con una misura terrestre, all’interno di questa potremo comprendere in modo più efficace ed effettivo la nostra identità europea” (pag.206)

L’idea di condividere il sapere non può prescindere, però, da una presa di coscienza del proprio ruolo e della propria capacità di incidere sul mondo e sugli altri.

E’ necessario comprendere che ognuno di noi può sviluppare in se stesso una sensibilità verso l’appartenenza all’Europa, un sentimento non inteso come rigida difesa di confini, ormai privi di significato e scopo in un mondo globalizzato, ma come esaltazione della diversità del singolo che è in grado, con il suo contributo, di arricchire l’insieme.


21minuti. I saperi dell'eccellenza (il testo)     |   Patrizio Paoletti   |    21minuti I saperi dell'eccellenza (la conference)