E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • T-Shirt Vivi Appassionatamente Donna (PRODOTTO ESAURITO)

    T-Shirt Vivi Appassionatamente Donna (PRODOTTO ESAURITO)
    Prezzo: 20,00 €

    PRODOTTO TEMPORANEAMENTE ESAURITO Vivi Appassionatamente, dillo a tutti! Acquistando la......

    approfondisci
  • T-Shirt Vivi Appassionatamente Donna

    T-Shirt Vivi Appassionatamente Donna
    Prezzo: 20,00 €

    Vivi Appassionatamente, dillo a tutti! Acquistando la maglietta della fondazione Paoletti non......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / Quali diritti per l'infanzia? Paoletti a "Saperi in...

News

Bookmark and Share
Quali diritti per l'infanzia? Paoletti a "Saperi in rete"

Pubblichiamo sul canale Youtube di Fondazione Patrizio Paoletti, la seconda parte dell’intervento di Patrizio Paoletti alla conferenza “Saperi in rete – promuovere una cultura dei diritti dell’infanzia”, tenutasi presso l’Università La Sapienza di Roma lunedì 28 novembre.

Il convegno, realizzato da Fondazione Patrizio Paoletti e Fondazione L’Albero della Vita, è stato Patrocinato dalla Commissione straordinaria per i diritti umani del Senato della Repubblica, dalla Commissione Parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza e dall’Università La Sapienza di Roma.

Le sfide che l’attuale scenario sociale e culturale ci propone sono sempre più complesse. Oggi più che mai le nuove generazioni hanno necessità di una qualità di attenzione, di impegno e di responsabilità da parte di tutte le funzioni sociali direttamente o indirettamente impegnate nel processo educativo e formativo della società.

Guarda il video

«Michael Gazzaniga, uno dei neuroscienziati viventi più importanti ha individuato un modulo del cervello umano, chiamato “interprete”, che spiega anche perché abbiamo tanta difficoltà a confrontarci con il sapere senza interpretarlo e ci fa capire quanto sia importante preferire, nella comunicazione tra gli uomini, il trasferimento del dato e non della sua interpretazione: dei dati e non delle informazioni. Bisogna offrire dati nei processi educativi, perché solo questi sono in grado di arricchire l’individuo, rendendolo capace di valutazioni più precise e di comportamenti più coerenti con l’unica grande necessità di ogni uomo: quella di essere con l’altro.

Noi viviamo in un mondo fatto di frontiere, che spesso sono dentro di noi, per questo i diritti sono disattesi. Rita Levi Montalcini ci invita a spostare il processo educativo dal cervello limbico, emotivo, alla neocorteccia, in grado di valutare e comparare. Un processo valutativo-comparativo migliore ha bisogno di dati migliori.

Anche la scoperta dei neuroni specchio, operata da Giacomo Rizzolatti ci dice qualcosa, perché rappresenta una prova scientifica dei meccanismi dell’apprendimento per imitazione e dell’empatia. Riscopriamo, così, il valore del maestro, dell’educatore, del modello. Ogni uomo è un educatore, a qualsiasi ceto o etnia appartenga, ed essere educatore significa iniziare a prestare la massima attenzione alle proprie azioni, perché abbiamo una forte responsabilità educativa nei confronti degli altri, soprattutto dei bambini. L’elemento centrale della relazione è il rispetto delle potenzialità di chi abbiamo di fronte: se questo è vero tra due adulti, è ancor più vero tra un adulto e un bambino.

Per poter rispettare il diritto allo sviluppo e alla crescita dei minori è importante costruire un nuovo processo pedagogico che investa sugli educatori. Ogni sforzo sarà vano se le istituzioni e tutti gli attori del mondo della comunicazione non faranno un concreto sforzo per affermare costantemente che i minori non sono adulti, hanno una loro specificità e devono ricevere un’attenzione diversa.»

Patrizio Paoletti