E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • T-Shirt Vivi Appassionatamente Uomo

    T-Shirt Vivi Appassionatamente Uomo
    Prezzo: 20,00 €

    Vivi Appassionatamente, dillo a tutti! Con l’acquisto di questa maglietta darai un sostegno......

    approfondisci
  • Biglietto "Passion"

    Biglietto "Passion"
    Prezzo: 2,00 €

    A San Valentino, diglielo con i regali del cuore! Rendi il tuo messaggio d'amore ancora......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / "Saperi in rete": sinergie per l'infanzia

News

Bookmark and Share
"Saperi in rete": sinergie per l'infanzia
"Saperi in rete": sinergie per l'infanzia

ROMA, 28 novembre – Tanti contenuti e grande successo per la conferenza “Saperi in rete”, evento orientato a promuovere una cultura dei diritti dell’infanzia tramite una sinergia tra enti ed istituzioni. Il convegno, tenutosi questa mattina presso l’Università La Sapienza di Roma e realizzato da Fondazione Patrizio Paoletti e Fondazione L’Albero della Vita, è stato Patrocinato dalla Commissione straordinaria per i diritti umani del Senato della Repubblica, dalla Commissione Parlamentare per l’infanzia e l’adolescenza e dall’Università La Sapienza di Roma.

Tra i relatori di assoluto prestigio: Francesco Avallone (Prorettore dell’Università La Sapienza di Roma), Patrizio Paoletti (Presidente di Fondazione Paoletti e Fondazione Albero della Vita), Maria Herczog (membro del Comitato Onu per i Diritti dell’infanzia), Maud de Boer Buquicchio (vice-segretario generale del Consiglio d’Europa, con contributo video), Giampaolo Rossi (presidente di Rai Net), Paolo De Stefani (Università di Padova), Simona Panseri (direttore Comunicazione di Google Italia), Claudio Gubitosi (patron di Giffoni Experience).

Aperto dai saluti del Prorettore Avallone, che ha voluto sottolineare quanto "diritti, apprendimento e responsabilità sociale” siano importanti oggi, l’incontro è stato condotto da Roberto Amen, fondatore di RaiNews, che ha affermato: "non si contano i pensatori che hanno affermato che il livello di civiltà di un popolo si misura dalla quantità e qualità d'attenzione che si dedica all'infanzia. Da qui partiamo".

Patrizio Paoletti ha presentato “Piattaforma Infanzia”, un progetto di Fondazione Paoletti, una piattaforma digitale che si propone di promuovere, in maniera continuativa, sistematica e plurale, i diritti dell'infanzia. Paoletti, che aperto la serie di interventi, ha affermato che “non è possibile guardare ai bambini, senza ripensare l'adulto di oggi. Mai come oggi è importante una visione della vita incentrata sulla Lifelong Learning: continuare ad apprendere è il bisogno di tutti. Questa tematica è alla base dello sviluppo e dell'evoluzione della specie. Il diritto all'infanzia è il diritto alla vita, all'apprendimento continuo, quindi all'eccellenza".

L’intervento di Maria Herczog (membro del Comitato ON U per i Diritti dell’Infanzia) e il contributo video di Maud de Boer Buquicchio hanno fatto il punto delle politiche europee sui diritti dell’infanzia, un inquadramento importante per riflettere sugli strumenti necessari ad allineare il nostro paese.

Le sfide che l’attuale scenario sociale e culturale ci propone sono sempre più complesse. Oggi più che mai le nuove generazioni hanno necessità di una qualità di attenzione, di impegno e di responsabilità da parte di tutte le funzioni sociali direttamente o indirettamente impegnate nel processo educativo e formativo della società. Il presidente di Rai Net, Giampaolo Rossi, e Simona Panseri (Google Italia) hanno fornito un contributo importante per portare la riflessione su queste sfide nel campo delle nuove tecnologie della comunicazione. "Stiamo passando – ha affermato Rossi- da una cultura analogica, centrata sulla trasmissione della conoscenza attraverso l'alfabeto (lineare), ad un modello della trasmissione della conoscenza con l'immagine. In più abbiamo l'interattività". Cosa e come si può insegnare allora oggi? Cosa vuol dire educare e qual è il miglior modo di farlo?

Secondo Claudio Gubitosi “abbiamo una grande responsabilità oggi, far partecipare i ragazzi, perchè loro costruiscono il futuro già da oggi”. Su questa linea, bellissime le testimonianze di Antonio Amendola e Claudio Gubitosi, rispettivamente presidente di Shoot4Change e patron di Giffoni Experiece, due realtà innovative che oggi riescono a fornire uno spazio alla creatività giovanile che sfrutta proprio le nuove tecnologie.

Il ricercatore Paolo De Stefani ha affermato: "i percorsi da seguire sono proprio la multidisciplinarietà e la sinergia tra enti, questo è il centro del nostra operatività"

Proprio questo ha rappresentato la conferenza "Saperi in rete", un evento che "travalica ogni retorica" (Roberto Amen) per fungere da punto di incontro tra saperi e ruoli, da strumento operativo utile a riflettere su soluzioni efficaci nella tutela dei diritti dell'infanzia.


Piattaforma Infanzia   |   Patrizio Paoletti