E-learning

Il sapere è al tempo stesso l'esigenza e lo strumento essenziale dello sviluppo
La piattaforma e-learning di Fondazione Patrizio Paoletti è stata concepita e realizzata per sostenere e implementare i percorsi di lifelong learning che l'ente progetta e sviluppa in Italia e all'estero. Sulla piattaforma sono presenti contenuti ed esercizi fruibili in quattro differenti lingue per far fronte ad un utenza diversificata e diffusa, ad oggi, su quattro continenti. La piattaforma contiene un sapere pedagogico derivato dalle attività di ricerca (neuroscientifica, educativa, didattica e compilativa) che la fondazione promuove e persegue, i corsi sono seguiti da docenti e tutor specializzati. Sulla piattaforma si possono consultare materiali e testi specifici di Pedagogia per il Terzo Millennio, sistema pedagogico che opera per il miglioramento e lo sviluppo del potenziale di relazione tra gli individui.

Cerca per argomento

Store

  • Uova di Pasqua al latte

    Uova di Pasqua al latte
    Prezzo: 15,00 €

    È Pasqua, regala un sorriso! Acquista le uova di Pasqua della Fondazione Patrizio Paoletti......

    approfondisci
  • Tazza: "Siamo sempre molto di più..." (PRODOTTO ESAURITO)

    Tazza: "Siamo sempre molto di più..." (PRODOTTO ESAURITO)
    Prezzo: 12,00 €

    (PRODOTTO MOMENTANEAMENTE ESAURITO) Tazza da collezione 21Minuti - I saperi dell'eccellenza A......

    approfondisci

Fondazione Patrizio Paoletti

news
home / elenco news / Cambiare. Alessandro Sannino per la campagna "Ogni...

News

Bookmark and Share
Cambiare. Alessandro Sannino per la campagna "Ogni uomo è un educatore"
Cambiare. Alessandro Sannino per la campagna "Ogni uomo è un educatore"

Fondazione Patrizio Paoletti è lieta di pubblicare sul suo canale Youtube il contributo video che Alessandro Sannino, ingegnere e ricercatore di successo, ha gentilmente voluto offrire a sostegno della campagna “Ogni uomo è un educatore”.

Alessandro Sannino è spesso citato come esempio di un talento italiano che ha saputo farsi strada nel proprio paese. E’ attualmente ricercatore presso il Dipartimento di Ingegneria dell'Innovazione dell'Università di Lecce, dove è titolare dei corsi di Materiali Polimeri e Non Metallici e presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, dove coordina ricerche di neuropatologia. È Visiting Scientist presso il MIT Massachusetts Institute of Technology di Cambridge (USA). È socio fondatore di Accademica Lifescience, società spin-off dell'Università di Napoli Federico II, dell'Università di Lecce e del Consiglio Nazionale delle Ricerche, nata grazie all'apporto di capitale di Quantica e State Street Global Investors. Il suo campo di ricerca primario è il settore dei polimeri, dei biomateriali e delle plastiche biodegradabili, area in cui svolge attività di coordinamento e partecipazione a importanti progetti di ricerca.

Guarda il video

“Il mio modello di partenza sono stati sicuramente la famiglia e i valori che mi sono stati trasferiti, prima fra tutti l’onestà intellettuale di saper ammettere i propri errori. Bisogna saper riconoscere un errore e trasformarlo in un valore, in un nuovo punto di partenza. E’ proprio questo il mio secondo modello: i miei stessi errori.

La vita non è statica, la vita è cambiamento. Noi cambiamo ogni giorno, per questo motivo non dobbiamo solo imparare ad essere, ma anche imparare a cambiare. Cambiare avendo di fronte qualcosa che è cambiato prima e meglio di te, ti aiuta moltissimo in questo continuo processo di rinnovamento, che è l’unico motore dell’innovazione. Ciò che viene chiamato fortuna è solo una serie di eventi positivi che una forte tenacia, un’inesauribile determinazione e tanto entusiasmo possono incanalare verso di noi. Almeno una parte di quella fortuna dipende dalla tenacia, dal sapersi adattare al cambiamento, dal saper aspettare il momento giusto e dal sapersi costruire le occasioni.

Non bisogna, inoltre, esporsi mai ai rischi derivanti dall’affrontare con superficialità le cose. Soltanto con una profonda conoscenza si può veramente mettere in atto un processo migliorativo. Bisogna avere la consapevolezza che per arrivare a conoscere qualcosa ci vuole tanta energia, tanta dedizione e tanto tempo. Sempre più spesso non è assegnato il giusto valore al tempo: si cercano di fare tante cose contemporaneamente, ma farne una sola per bene può aiutare a creare massa critica intorno ad un concetto, poi da lì ci si può espandere. Come? Con la comunicazione, che trasforma la conoscenza in azione. Da soli possiamo fare poco, poter comunicare con chi è in grado di aiutarti è fondamentale. La terza fase del processo, poi, è la gestione: bisogna saper organizzare e motivare se stessi e gli altri.

Quando siamo in difficoltà tendiamo spesso a pensare che la strada non sia quella giusta e che non vale la pena continuare a percorrerla: questo avviene perchè vogliamo continuare ad essere ciò che siamo, senza voler migliorare e cambiare le nostre convinzioni. Questo è un pericoloso processo di cicatrizzazione. Chi studia il sistema nervoso sa che si è pensato a lungo che esso non fosse capace di rigenerarsi. Oggi invece sappiamo che è capace di farlo, basta che vengano inibiti i meccanismi di cicatrizzazione. La cicatrizzazione è l’ostinazione a voler essere e, quando si incontra il bivio delle difficoltà, ad andare in discesa; diventare,al contrario, è conoscere sempre di più e promuovere il proprio miglioramento, è voler continuare a salire nonostante le difficoltà, perché tanto per scendere ci sarà sempre tempo.”  Alessandro Sannino

 

Ogni uomo è un educatore   |   Il canale youtube di Fondazione Paoletti   |   Sensibilizzazione   |   Patrizio Paoletti